fonte: COMFORDOT

Condividi su Linkedin

Il Comandante dell’Accademia Militare francese di Saint-Cyr, Generale di Divisione Hervé de Courrèges, in visita al Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito.

Condividere il giudizio sulla strategicità di un approccio internazionale ed europeo alla formazione dei giovani Ufficiali

​Nell’ambito del Piano di Cooperazione Internazionale, una delegazione guidata dal Comandante dell’Accademia Militare francese di Saint-Cyr, Generale di Divisione Hervé de Courrèges ha visitato il Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito.

Accolto a Palazzo Arsenale dal Comandante dell’Istituto, Generale di Divisione Mauro D’Ubaldi, ha assistito ad un briefing nel quale sono state illustrate le attività didattico-addestrative in corso e i progetti futuri della Scuola.

In particolare, sono state poste le basi per il possibile incremento degli scambi bilaterali tra Italia-Francia ed è stata un’occasione proficua per i colleghi d’oltralpe di presentare il progetto “European University”, progetto che investe la formazione militare dell’Esercito francese.

Durante la giornata, la delegazione ha potuto apprezzare gli ambienti di Palazzo Arsenale, alcune facilities addestrative ed ha visitato il centro sportivo “Capitano Porcelli” sede del Centro Ippico Militare.

Il Generale de Courrèges ha avuto l’opportunità di verificare la consolidata collaborazione fra la Forza Armata, il mondo accademico e le istituzioni internazionali, scientifiche e imprenditoriali del territorio, nonchè il percorso didattico e addestrativo individuato dal nostro Esercito per preparare e aggiornare il personale appartenente ai diversi ruoli e di confrontarsi in merito alla formazione degli Ufficiali.

La stretta cooperazionee tra la Scuola di Applicazione dell’Esercito e l’Università di Torino, mediante la speciale Scuola Universitaria Interdipartimentale in Scienze Strategiche è stata oggetto di attenzione da parte della delegazione, come pure la pregevole sinergia con il Politecnico.

In tale quadro, essi hanno avuto l’opportunità di intrattenersi con i due allievi francesi che attualmente sono presenti a Torino, nell’ambito dei programmi di scambio per i corsi di studio in ingegneria. I due Comandanti hanno avuto modo di condividere il giudizio sulla strategicità di un approccio internazionale ed europeo alla formazione dei giovani Ufficiali.

condividi: