Condividi su Linkedin

Ultimato il Corso Tecnico Applicativo presso la Scuola di Cavalleria per gli Ufficiali del 199° corso “Osare”.

Qualificati nuovi Comandanti di unità blindo-corazzata

Si è conclusa con il conseguimento dell’incarico di “Comandante di Unità blindo-corazzata”, la seconda fase del Corso Tecnico Applicativo (CTA) per gli Ufficiali del 199° Corso “Osare”, presso la Scuola di Cavalleria. Un periodo di formazione particolarmente importante che specializza e indirizza i giovani Ufficiali verso le unità di impiego dell’Esercito.

Il CTA si prefigge lo scopo di completare la preparazione dei Vice Comandanti di Compagnia/Squadrone, mirando a far acquisire le competenze necessarie per la gestione delle risorse umane, dei sistemi d’arma, dei mezzi e dei materiali a livello compagnia, e di fornire gli strumenti di base normativi, procedurali e dottrinali, connessi al funzionamento dello staff di un Reggimento.

Particolare attenzione è stata posta alle attività addestrative con sistemi di simulazione “live” e “virtual” e a quelle d’impiego a fuoco delle piattaforme da combattimento “Ariete” e “Centauro”, senza peraltro trascurare sessioni teoriche d’approfondimento su argomenti quali “Immediate Close Air Support”, “Cultural Awareness” e “Counter IED” e il conseguimento della certificazione di “Operatore manutentore per SAAB BT46” (Simulatore per il tiro a raggio laser).

A chiusura del periodo di specializzazione, è stata svolta un’articolata esercitazione a fuoco presso il Poligono di Torre Veneri, nel corso della quale i Sottotenenti hanno diretto l’azione di unità blindo - corazzate in diverse configurazioni (esplorante, blindo pesante, corazzate), mettendo in pratica le competenze acquisite in questi mesi.

Momento particolarmente significativo, per i giovani Ufficiali, la consegna dell’Attestato di frequenza del Corso Tecnico per Comandanti di Minori Unità blindate/corazzate, da parte del Comandante della Scuola di Cavalleria, Generale di Brigata Claudio Dei, il quale ha espresso parole di lode per l’impegno profuso durante l’addestramento e di incoraggiamento per affrontare con lo spirito proprio di un Cavaliere le sfide future.

condividi: