Condividi su Linkedin

Esercito: sequestrate 30 tonnellate di amianto in concorso con la Guardia di Finanza e l' ARPAC Campania.

Elevate multe per oltre 300.000 euro elevate nell'area industriale di Nola

​Si è conclusa, nei giorni scorsi, un operazione di controllo straordinario del territorio nell’area nolana, disposta dall’Incaricato per il contrasto al fenomeno dei roghi nella regione Campania, coadiuvata negli aspetti operativi dai militari dell'Esercito del “Raggruppamento Campania".

Al fine di verificare il rispetto della normativa in materia ambientale, sono stati effettuati controlli presso 14 attività imprenditoriali e commerciali del comprensorio ed è stato attuato un mirato servizio congiunto di pattugliamento del territorio. All’esito dei controlli, 9 sono state le aziende sequestrate, 28 le persone identificate di cui 10 denunciate all’Autorità Giudiziaria.

Sono state contestate violazioni amministrative per circa 325.000 euro ed è stata inoltre sequestrata un’area di circa 25.000 mq, per gestione abusiva di rifiuti speciali pericolosi e non dove operavano tre società che illecitamente recuperavano, trasportavano e gestivano rifiuti speciali ed urbani.

Sono stati denunciati a piede libero i responsabili delle tre società per delitto di inquinamento ambientale e gestione illecita di rifiuti speciali. Sono state sottoposte a sequestro 30 tonnellate di amianto, stoccate in aree non idonee e non protette, ed accertato lo versamento di olii esausti ed acidi nella pubblica fognatura senza alcun trattamento di depurazione.

A Nola è stata sequestrata invece un’area non autorizzata, di circa 1.500 mq, adibita a deposito di veicoli e sono stati sequestrati 192 mezzi, alcuni dei quali incendiati e quindi classificati come rifiuti pericolosi. I risultati, seppur ancora parziali, sono il frutto della modalità operativa di contrasto, promossa dall’Incaricato per la terra dei fuochi di concerto con il personale dell’Esercito del “Raggruppamento Campania” e approvata dai Comitati provinciali per l’ordine e la sicurezza pubblica di Napoli e Caserta.

condividi: