fonte: Comando Truppe Alpine

Condividi su Linkedin

Due giorni di impiego per gli alpini aquilani, nel territorio del Comune di Molina Aterno, per un incendio causato da un fulmine.

Realizzazione di una linea forestale, spegnimento di un incendio e successiva bonifica da parte di un team dell’Esercito

​ Un team del 9° Reggimento Alpini della Brigata Alpina Taurinense è intervenuto nei giorni scorsi in località Fonte Chivignano, nel territorio del Comune di Molina Aterno, contribuendo all’estinzione di un incendio divampato a causa di un fulmine. L’intervento è avvenuto su richiesta della Prefettura dell’Aquila e a seguito dell’attivazione pervenuta dal Comando Forze Operative Sud dell’Esercito.

Una squadra Anti Incendio Boschivo e un nucleo per il movimento terra, in forza al Battaglione Multifunzionale “Vicenza”, unità di supporto al combattimento in organico al 9° Reggimento Alpini, ha consentito la realizzazione di una linea forestale della lunghezza complessiva di 500 metri circa, che ha rivestito una notevole importanza nelle successive fasi di spegnimento, consentendo ai moduli Anti Incendio Boschivo dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile di arrivare più agevolmente a ridosso del fronte del fuoco. L’intervento dei militari dell’Esercito, oltre a circoscrivere l’incendio, ha permesso, in un secondo momento, di effettuare la bonifica del sottobosco, tesa ad evitare una ripresa dell’incendio.  In tale contesto, la squadra Anti Incendio Boschivo, composta da personale opportunamente qualificato in forza al reggimento, ha contribuito anche allo spegnimento delle ultime fumarole rimaste, mettendo così in sicurezza l’intera area, caratterizzata da elevate pendenze e da una fitta vegetazione bassa che ha alimentato per giorni l’incendio.

Gli alpini aquilani non sono nuovi a questa tipologia di interventi in tutto il territorio della Regione Abruzzo, essendo già stati attivati in diverse occasioni: dall’incendio del Monte Morrone del 2017 fino a quello di Monte Pettino del 2020, che ha minacciato la parte ovest della città dell’Aquila e alcuni paesi limitrofi, passando anche per le numerose operazioni avvenute nel 2021, tra cui quella nel comune di Pizzoferrato (Chieti), per la quale il Reggimento è stato insignito lo scorso ottobre della cittadinanza onoraria.

condividi: