fonte: Stato Maggiore Esercito

Condividi su Linkedin

“La resilienza come processo di promozione del benessere individuale e organizzativo”.

L’Esercito una organizzazione attenta alla salute del personale, efficiente e sempre aperta al confronto e all’aggiornamento professionale

​“La resilienza come processo di promozione del benessere individuale e organizzativo” è il tema del 6° Corso di aggiornamento in Psicologia e Psichiatria Militare, un appuntamento ricorrente per tutti gli psicologi e gli psichiatri militari e civili, che quest’anno ha potuto nuovamente svolgersi oggi, in presenza, nella prestigiosa cornice della Biblioteca Militare Centrale di Palazzo Esercito.

La scelta del tema nasce dalla necessità di approfondire e condividere un nuovo concetto di resilienza. Allo scopo di far acquisire, al personale specialistico, competenze e conoscenze per valutare o promuovere il processo di resilienza, sono stati coinvolti eminenti personalità del mondo accademico ed è stata promossa la condivisione di competenze del personale dell’Esercito, in particolare di coloro che abbiano fatto esperienze di vita che della resilienza possono essere un esempio.

L’evento formativo, presieduto dal Sottocapo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Gaetano ZAUNER, è stato trasmesso in diretta streaming sul sito www.esercito.difesa.it, al fine di renderlo fruibile ad un vasto pubblico, che ha potuto seguire gli interventi di rappresentanti della Forza Armata, i contributi scientifici magistrali di accademici quali il Prof. Lazzari, presidente dell’Ordine Nazionale degli Psicologi, il Prof. Lucidi, preside della Facoltà di Medicina e Psicologia dell’Università “Sapienza” di Roma, il Prof. Di Nuovo, presidente dell’Associazione Italiana di Psicologia, il Prof. Siracusano, oltre ad una tavola rotonda moderata dal giornalista professore Michele Mirabella.

Il Gen. ZAUNER, aprendo i lavori del 6° corso, ha sottolineato come “la forza d’animo” - sia proprio – il fattore che consente di adattarci alle situazioni più estreme” e ha precisato “come tale forza abbia origine non soltanto dalle mere qualità personali, ma da una serie di elementi soggettivi, quali l’intima persuasione di essere addestrati e preparati per affrontare le difficoltà, il sentirci parte di una grande famiglia, il ricordo degli affetti familiari che sostengono l’agire quotidiano e, infine, la ferma convinzione di essere guidati da comandanti equilibrati, leali e coraggiosi”

Il 6° Corso, in sintesi, per la ricchezza e l’importanza degli argomenti trattati, per l’intervento di illustri figure del mondo accademico e le testimonianze personali portate da militari in servizio ha concorso a promuovere un’immagine dell’Esercito quale organizzazione attenta alla salute del personale, efficiente e sempre aperta al confronto e all’aggiornamento professionale, in relazione con il mondo accademico e scientifico, a favore del mantenimento della massima efficienza operativa del proprio personale.

condividi: