fonte: Stato Maggiore Esercito

Condividi su Linkedin

Conferenza “Esercito 2022”: come fronteggiare i nuovi scenari attraverso i 5 assi di sviluppo capacitivo integrato.

Esercito 4.0: fronteggiare i nuovi scenari concentrando risorse e impegno nella manovra a contatto, in profondità e dalla terza dimensione

​Si è svolta nei giorni scorsi, presso l’aula “Marziani” del Comando per la Formazione, Specializzazione e Dottrina dell’Esercito, la Conferenza Esercito 2022 - “Esercito 4.0: Proiettati nel futuro”.

Nel corso della conferenza, il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Pietro Serino, ha preso la parola evidenziando “il tempo che ci dedicheremo qui oggi è per fare considerazioni e valutazioni, affinché ognuno possa dare un contributo efficace. Dobbiamo trasformare le vulnerabilità in opportunità in tutti i campi: tattico, informativo e logistico”. Ha proseguito, quindi, indicando il percorso di sviluppo capacitivo che la Forza Armata dovrà seguire nel prossimo futuro, identificando 5 macro-aree su cui dovranno concentrarsi risorse e impegno nel medio periodo.

Al termine dell’intervento è seguito un vivace dibattito tra i partecipanti, sia presenti in sala sia collegati da remoto, che ha fornito spunti molto interessanti per favorire l’adeguamento dell’Esercito ai nuovi scenari operativi, ponendo la giusta attenzione e le necessarie risorse alla formazione del personale e all’addestramento dei Comandi e delle Unità.

Lo spirito nel quale si è svolta la mattinata di riflessioni sulle prospettive future dell’Esercito ha fatto emergere il naturale interesse e la convinta attenzione che la Forza Armata ripone nei confronti dei temi del rinnovamento e dello sviluppo capacitivo, condizioni imprescindibili per portare l’Esercito Italiano ad affrontare le sfide future.

condividi: