fonte: COMFOPSUD

Condividi su Linkedin

Il 4° carri ha organizzato e condotto un’esercitazione pluriarma nel comprensorio di Persano.

L’esercitazione condotta ha confermato la capacità del 4° Reggimento carri di poter  operare in scenari warfighting

​Si è conclusa pochi giorni fa, all’interno del comprensorio militare di Persano, un’esercitazione continuativa a partiti contrapposti pluriarma condotta dal 4° Reggimento carri con il supporto di assetti di comando, controllo e logistico di altre unità della Brigata bersaglieri Garibaldi.

L’obiettivo dell’esercitazione è stato quello di addestrare il personale nelle attività tattiche difensive in ambiente warfighting attraverso una serie di manovre diuturne, svolte senza soluzione di continuità, che hanno visto il personale impegnato, dapprima, in compiti difensivi su postazioni scarsamente organizzate, successivamente in quelli di frenaggio e, alla fine, una volta posizionatisi nelle posizioni precostituite, all’interno di un caposaldo fortemente organizzato a difesa con campo minato.

All’attività hanno partecipato gli assetti tratti dai Reggimenti della Brigata bersaglieri Garibaldi enucleati dal 1° Reggimento bersaglieri, dal Reggimento cavalleggeri Guide (19°), dall’8° Reggimento artiglieria “Pasubio” e dal 21° Reggimento genio guastatori.

Nell'occasione il Comandante delle Forze Operative Sud, Generale di Corpo d’Armata Giuseppenicola Tota, accolto dal Comandante della Brigata bersaglieri Garibaldi, Generale di Brigata Mario Ciorra, ha visitato il 4° Reggimento carri. In particolare, dopo aver salutato lo Stendardo ed aver assistito ad un briefing informativo sull’unità, il Comandante del COMFOP Sud ha presenziato alle fasi finali dell'attività addestrativa, complimentandosi con il personale esercitato e sottolineando l’importanza dell’addestramento pluriarma che ha il fine di implementare e sperimentare le differenti procedure tattiche.

condividi: