Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di piu clicca qui . Continuando la navigazione accetterai automaticamente l'utilizzo dei cookie.

Pubbliche calamità

L’Esercito Italiano rappresenta per la popolazione italiana una presenza costante in caso di pubbliche calamità (terremoti, alluvioni, incendi e frane), rivelandosi determinante sia nelle fasi iniziali di soccorso alla popolazione civile sia nel successivo processo di normalizzazione e assistenza. I soldati sono stati da sempre presenti in tutte le emergenze di calamità nazionale del passato, da Firenze al Piemonte, dal Friuli all’Irpinia. Tutte le predisposizioni e i piani per affrontare qualsiasi emergenza sono state oggetto di un naturale proces​​so evolutivo, che si è sviluppato nel tempo sulla base delle esperienze maturate anche nelle operazioni internazionali. Un intervento che ha evidenziato come le capacità militari – come, ad esempio, quelle delle unità del genio, utilizzate in maniera massiccia – si distinguano per la piena dualità d’impiego, ovvero pur concepite per scopi prettamente militari hanno caratteristiche tali da poter essere proficuamente utilizzate in ogni situazione di emergenza, proprio come avvenuto nelle aree colpite dal sisma e dal maltempo. Il personale militare, la cui professionalità si fonda sulla formazione, sull’addestramento, sull’abitudine ad affrontare sacrifici e difficoltà, nonché sulle esperienze maturate nelle operazioni militari internazionali, ha fornito il proprio expertise alla Protezione civile e si è pienamente e proficuamente integrato nel dispositivo di soccorso grazie all’elevata attitudine all’interoperabilità.