Claudio Mora

Generale di Corpo d'Armata

​​​​​​​​​​​​​​​Il Generale di Corpo d'Armata​ Claudio MORA ha frequentato il 157° corso dell’Accademia Militare di Modena dal 1975 al 1977 e, successivamente alla nomina a Sottotenente dell’Arma di Artiglieria, la Scuola di Applicazione di Torino dal 1977 al 1979.


Ha conseguito la laurea in Scienze Strategiche e ha frequentato il Corso di Stato Maggiore ed il Corso Superiore di Stato Maggiore.


Nominato Tenente nel settembre 1979 viene assegnato in attività di comando al Gruppo “Asiago” di Dobbiaco dove il suo primo incarico è quello di Sottocomandante e in seguito Comandante di Batteria. 


Promosso Capitano nel settembre del 1983 comanda la 30a Batteria del gruppo “Asiago”, dirige quindi la Sezione O.A.I. e, al rientro dal Corso di Stato Maggiore (1989-1990), ricopre l’incarico di Capo Sezione Operazioni dell’Ufficio O.A.I. presso la Brigata alpina “Tridentina”.


Promosso al grado di Maggiore il 2 settembre del 1991, frequenta il Corso Superiore di Stato Maggiore (1992 – 1993) al termine del quale è Capo Sezione Impiego Ufficiali e Sottufficiali dell’Ufficio Personale del 4° Corpo d’Armata alpino (1993 - 1994). Assunto il grado di Tenente Colonnello, viene trasferito a Silandro al comando del Gruppo Artiglieria da Montagna “Bergamo”, inquadrato nel 5° Reggimento Artiglieria da montagna.


Dal settembre del 1995 è Capo di Stato Maggiore presso il Comando della Brigata alpina Tridentina ove permane fino al settembre del 1999 quando, indossato il grado di Colonnello, è designato a comandare il 3° Reggimento Artiglieria da montagna a Tolmezzo.


Al termine del periodo di comando è assegnato al Comando delle Truppe Alpine dove ricopre, nell’ordine, gli incarichi di Sottocapo di Stato Maggiore dei Supporti, di Sottocapo di Stato Maggiore Operativo ed infine di Capo di Stato Maggiore.


Nel settembre del 2005 assume l’incarico di Comandante della Brigata Alpina “Julia” durante il quale partecipa all’operazione “Joint Enterprise”, comandando la Brigata Multinazionale Sud Ovest della “Kosovo Force” (21/11/2005 – 15/05/2006). In tale quadro, in ossequio alla risoluzione 1244 del Consiglio di Sicurezza delle UN, il compito principale assegnato era quello di garantire la sicurezza pubblica e l’ordine civile nella regione, favorendo e sostenendo al contempo gli sforzi umanitari e sanitari alle popolazioni locali.


Dal 31 agosto 2007 svolge l’incarico di Capo di Stato Maggiore del Comando Truppe Alpine e dal 27 febbraio assume anche gli incarichi di Vice Comandante delle Truppe Alpine e Comandante della Divisione Tridentina.


Quindi, partecipa quale IT SNR e DCOS Stability all’Operazione ISAF (International Security Assistance Force) a supporto al governo afghano presso HQ in Kabul dall’ottobre del 2009 all’ottobre del 2010, al termine del quale è trasferito presso il Comando del 1° FOD in Vittorio Veneto quale Vice Comandante e Comandante della Divisione “Mantova”.


Infine, è assegnato presso lo Stato Maggiore dell’Esercito dove, dopo aver assolto per un anno l’incarico di Vice Capo Dipartimento, dall’agosto del 2013 diviene Capo del Dipartimento Impiego del Personale dell’Esercito.


Dal 4 novembre 2016 è Sottocapo di Stato Maggiore dell’Esercito Italiano.


DECORAZIONI - ONORIFICENZE:

- Decorato della Croce d’Argento;

- Medaglia Commemorativa con nastrino alle Operazioni a favore delle popolazioni colpite da pubbliche calamità;

- Decorato della Croce d’Oro;

- Decorato con la medaglia d’Argento per lungo Comando di Reparto;

- Decorato con la medaglia Mauriziana per il merito militare;

- Medaglia NATO per la partecipazione alla missione di pace in Kosovo; 

- Onorificenza bulgara medaglia di II Grado per fedeltà di servizio;

- Onorificenza tedesca “Medaglia di Bronzo per l’impiego in operazioni delle Forze Armate Federali;

- Onorificenza spagnola concessa dal Capo di SM dell’Esercito spagnolo;

- Onorificenza ungherese “The Alliance Service Medal” conferito dal Ministro della Repubblica Inglese della Difesa;

- Medaglia ONU per Operazione di pace in Kosovo;

- Medaglia NATO per l’Operazione ISAF;

- Commendatore della Repubblica Italiana;

- Croce Commemorativa per la partecipazione al concorso di mantenimento della Sicurezza Internazionale nell’ambito delle Operazioni Internazionali in Afghanistan;

- Decorazione U.S.A: “Afghanistan Campaign Medal”;

- Croce commemorativa per la missione militare in Bosnia Erzegovina;

- US Legion of Merit (Ufficiale).


Il Generale Claudio MORA è sposato con la Sig.ra Daniela MODOLO ed ha una figlia.