Tricuspide

Storia e tradizioni

​​La Scuola Sottufficiali dell’Esercito di Viterbo trae origini dalla prima Scuola Allievi Sottufficiali, sorta il 1° luglio 1888 a Caserta dove, con sede presso il Palazzo Reale, rimase fino al 30 settembre 1895.

​​

In seguito si costituirono altre Scuole in varie città italiane, finché‚ nel 1965, nell'intento di assicurare ai Sottufficiali di carriera una base comune di preparazione, lo Stato Maggiore dell'Esercito dispose l'unificazione del ciclo formativo, costituendo una unica Scuola Allievi Sottufficiali con sede a Viterbo.

Divenuta la casa madre dei Sottufficiali dell’Esercito Italiano, l’Istituto conserva gelosamente la memoria dei 36.185 Sottufficiali Caduti nell'adempimento del dovere in guerra e in pace.

A partire dal 1965 e fino al 1995 vi si sono succeduti 77 corsi per un totale di circa 35.000 Allievi Sottufficiali.

​Dal 1995, con il riordino dei Ruoli Sottufficiali delle Forze Armate, la Scuola è stata preposta alla preparazione dei:

  • Marescialli Comandanti di plotone delle Forze Operative dell’Esercito, che al termine del ciclo formativo triennale conseguono il titolo di Laurea in “Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali”, rilasciato dall’Università della Tuscia;
  • Marescialli qualificati “Infermieri Professionali”, che si laureano in “Infermieristica” presso l’Università “Roma Tre”;
  • Sergenti Operatori, Riparatori e Tecnici.

Nel 1998, in virtù dei nuovi compiti assegnati, l’Istituto ha assunto l’attuale denominazione di Scuola Sottufficiali dell’Esercito.

Per poter assolvere a tale importante e delicato impegno, lo Stato Maggiore dell’Esercito ha posto alle dipendenze della Scuola:

  • il reggimento Allievi Marescialli, dislocato presso la sede di Viterbo, che fino ad oggi ha formato oltre 3000 Marescialli;
  • il reggimento Allievi Sergenti (80° reggimento “Roma”), dislocato presso la città di Cassino (FR), che fino ad oggi ha formato oltre 7000 Sergenti.

​​