Riccardo Marchiò

Generale di Corpo d’Armata

​​

Il Generale di Corpo d'Armata Riccardo Marchiò è nato a Roma il 17 settembre 1955. Allievo del 156° corso dell'Accademia Militare di Modena (1974-1976), ha completato la formazione presso la Scuola di Applicazione di Torino (1976-78). Ha frequentato il Corso di Stato Maggiore (1988-89) e il Corso Superiore di Stato Maggiore (1991-92) presso la Scuola di Guerra di Civitavecchia e ha conseguito la Army War College Graduation negli Stati Uniti (Class 2000). E' laureato in Scienze Strategiche presso l'Università di Torino.

 

Da Tenente e da Capitano ha comandato il plotone e la compagnia presso il 6° battaglione bersaglieri "Palestro" a Torino.

 

Nel 1994, da Tenente Colonnello, ha assunto il Comando del 2° Battaglione "Governolo" del 2° Reggimento Bersaglieri a Legnano, con il quale ha partecipato in Calabria all'operazione "Riace" in concorso alle Forze di Polizia nella lotta alla criminalità organizzata e al controllo del territorio. Da Colonnello ha comandato il 18° Reggimento Bersaglieri della Brigata "Garibaldi" a Cosenza.

 

In servizio di Stato Maggiore è stato impiegato come Ufficiale Addetto alla Sezione Piani e operazioni (1989-93); da Tenente Colonnello, Capo Sezione Operazioni dell'Ufficio Operazioni e Addestramento (1994-96); da Colonnello, Capo di Stato Maggiore nello Staff di attivazione della 3^ Divisione italiana assegnata al Corpo d'Armata di Reazione Rapida della NATO (1996-98). Ha assolto i tre incarichi presso il Comando del 3° Corpo d'Armata di Milano. Dal giugno 2000 all'ottobre 2003, ha assolto l'incarico di Capo Ufficio Addestramento del Comando delle Forze Operative Terrestri (FOTER) a Verona.

 

Nel 1982-83 ha partecipato come Comandante di Compagnia fucilieri alla missione per il mantenimento della pace in Libano; nel 1993 alla operazione Restore Hope (ITALFOR IBIS) come Ufficiale Addetto alle Operazioni del Contingente Italiano a Mogadiscio, Somalia; nel 1997 alla Operazione "Alba" come Sottocapo di Stato Maggiore Operativo nella Forza Multinazionale di Protezione (FMP) a Tirana, Albania.

 

Ha ancora partecipato nel 1999 alle Operazioni Joint Guarantor e Joint Guardian nella ex Repubblica Yugoslava di Macedonia e in

Kosovo come Comandante del 18° bersaglieri; nel 2002 alla International Security Assistance Force (ISAF) come Comandante del Contingente Italiano a Kabul, Afghanistan; nel 2004 alla Operazione "Antica Babilonia" come Deputy Commander della Multinational Division South-East (MND-SE) a Bassora, Iraq.

 

Vice Comandante della Brigata Meccanizzata "Aosta" dall'ottobre del 2003, il 1° gennaio 2004 è stato promosso Generale di Brigata e il 30 settembre ne ha assunto il comando. Da gennaio 2006 a marzo 2008 ha ricoperto l'incarico di Vice Capo Reparto Impiego delle Forze / Comando Operativo Esercito.

 

Ha ricoperto l'incarico di Capo Reparto Impiego delle Forze / Comando Operativo Esercito da novembre 2007 a marzo 2008. È stato promosso Generale di Divisione il 1° gennaio 2008.

 

Ha ricoperto l'incarico di Vice Comandante e Italian Senior National Representative del Comando Allied Rapid Reaction Corps (ARRC) nella sede di Rheindahlen (Germania) prima, e nella sede di Innsworth (Gran Bretagna) poi. Durante il periodo ad ARRC è stato impiegato in qualità di Vice Comandante e Italian Senior National Representative dell'ISAF Joint Command a Kabul,  Afghanistan.

 

Da giungo 2012 a novembre 2014 ha prestato servizio presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

 

Il 1° luglio 2013 è stato promosso Generale di Corpo d'Armata.

 

Dal 24 novembre 2014 al 29 settembre 2016, è stato Comandante del Corpo d'Armata di Reazione Rapida della NATO in Italia.

Il 1° ottobre 2016 ha assunto l'incarico di Comandante del Comando delle Forze Operative Terrestri e del Comando Operativo Esercito in Roma.

 

E' sposato con la signora Laura e ha due figli, Andrea e Stefano. È pilota di aerei ultraleggeri e nel tempo libero si dedica anche al nuoto, allo sci, alla lettura e al collezionismo di modelli in scala.

 

ONORIFICENZE:

· Ordine Militare d'Italia: Croce di Cavaliere;

· Croce d'Argento al Merito dell'Esercito;

· Medaglia "Mauriziana";

· Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana;

· "Bronze Star Medal" statunitense;

· Medaglia Afgana della "Loya Jirga".​