Gli istruttori dell’Esercito del Multinational CIMIC Group concludono la formazione avanzata delle Forze Armate libanesi.

MIBIL: il Multinational CIMIC Group  forma 66 “specialisti funzionali”

Si sono conclusi nei giorni scorsi,  con la cerimonia di consegna degli attestati di partecipazione,  i corsi CIMIC organizzati dalla Missione Militare Bilaterale Italiana in Libano (MIBIL) a favore del personale delle Lebanese Armed Forces (LAF) e delle Forze di Sicurezza nazionali. Hanno preso parte all’evento l’Ambasciatore d’Italia in Libano, S.E. Massimo Marotti, il Comandante della Missione, Generale di Brigata Salvatore Radizza e alte autorità militari locali.


L’intensa sessione formativa si è sviluppata nell’arco di quattro settimane presso il CIMIC Directorate di Beirut coordinato da istruttori del Multinational CIMIC Group di Motta di Livenza (TV). L’attività ha consentito di sviluppare le tre core functions della Funzione Operativa CIMIC ovvero collegamento, supporto alla forza e supporto all’ambiente civile. 


Il corso ha portato alla formazione  di 66 “specialisti funzionali”, personale capace di gestire la complessità delle dinamiche e delle relazioni tra i diversi attori (militari e non-militari) in supporto alle missioni. Il programma del corso ha  visto il contributo di rappresentanti di alcune Organizzazioni Internazionali (IOs) e Organizzazioni Non Governative (NGOs) quali UNHCR (United Nations High Commissioner for Refugees), UNDP (United Nations Development Programme), ICRC (International Committee of the Red Cross & Red Crescent) e MARCH (una NGO basata in Libano).


La MIBIL, operante in Libano dal 2015, sviluppa attività di assistenza militare (formazione ed addestramento) in favore delle Forze Armate e delle Forze di Sicurezza locali, inquadrandosi nel più ampio contesto internazionale che si propone di supportare le istituzioni della nazione mediorientale affetta da gravi disagi sociali ed economici - con possibili ripercussioni sulla situazione di stabilità interna – in conseguenza della perdurante crisi siriana.




condividi: