fonte: COMFOTER

Militari dell’Esercito conseguono l’abilitazione anfibia

Militari dell’Esercito conseguono l’abilitazione anfibia

​​​​​​​​Conseguita l'abilitazione anfibia per 58 militari dell'Esercito appartenenti al Reggimento Lagunari "Serenissima", al 17° Reggimento Artiglieria Controaerea "Sforzesca" e al 3° Reggimento Genio Guastatori, unità dell'Esercito Italiano inserite nella "Capacità Nazionale di Proiezione dal Mare" (CNPM).

 

Si è concluso l'11° Corso Integrativo di Abilitazione Anfibia, durato quattro settimane ed articolato in due fasi.

La prima fase si è svolta presso il reggimento Lagunari, dove sono state condotte lezioni teorico-pratiche di addestramento elicotteristico, come la discesa con la tecnica del "fast rope" e la discesa in corda doppia dalla torre di ardimento. La seconda fase si è svolta a Brindisi a bordo della Nave San Giusto.

 

In questa fase il personale dell'Esercito ha  acquisito le tecniche per l'impiego a bordo delle navi, dei mezzi da sbarco e dei mezzi anfibi (AAV7). Sono stati effettuati numerosi rilasci dagli elicotteri EH-101 e diverse tecniche di sbarco.

 

Il corso si è concluso con una esercitazione finale "LIVEX" consistente in una NEO (non-combat evacuation operation) dove gli allievi, sbarcando con i mezzi anfibi, hanno portato a bordo della San Giusto il personale evacuato.

 

Il Generale di Brigata Domenico Pace, Comandante la Brigata di Cavalleria "Pozzuolo del Friuli", prima dell'attività conclusiva, si è congratulato con tutto il personale per i risultati raggiunti.

 

La "Pozzuolo" coordina i reparti dell'Esercito in tutte le attività concernenti la CNPM e, insieme al reggimento Lagunari, è responsabile per la selezione e il rilascio della Qualificazione Anfibia Esercito, brevetto indispensabile prima di affrontare il corso di Abilitazione Anfibia.​

condividi: