"Action day” nella Terra dei Fuochi: sequestro di attività imprenditoriali e commerciali.

Esercito: controllo e  prevenzione contro i reati ambientali

​Si è svolta ieri, l’attività di controllo straordinario del territorio, nell’ambito dell’Operazione “Terra dei Fuochi”, nelle province di Napoli e Caserta, disposta dall'Incaricato per il contrasto del fenomeno dei roghi nella regione Campania.

In campo 23 equipaggi, per un totale di 65 unità appartenenti al Raggruppamento Campania, al Comando 21° Reggimento Genio "Guastatori" dell'Esercito Italiano, al Commissariato di Casapesenna e Afragola, ai Carabinieri di Casal di Principe e Afragola, alla Guardia di Finanza di Aversa e Frattamaggiore, al ROAN GdF di Napoli, alla Polizia Metropolitana di Napoli, alla Polizia Provinciale di Caserta, ai Carabinieri Forestale di Pietramelara e Napoli nonché alle Polizie Municipali dei Comuni di Afragola, Casapesenna e San Cipriano d’Aversa, Personale dell’Asl di Caserta e l’ARPAC di Caserta.

Controllate 11 attività imprenditoriali e commerciali, di cui 4 sanzionate; 40 persone identificate, di cui 11 denunciati tra lavoratori irregolari e rei di illeciti ambientali; 5 autocarri controllati, oltre 16mila 800 euro di sanzioni comminate, e circa 2300 mq di aree sequestrate. I reati contestati sono la gestione e lo smaltimento illecito dei rifiuti e degli scarti delle lavorazioni nonché l'esercizio abusivo della professione.

In particolare, nel comune di San Cipriano d’Aversa (CE) è stata posta sotto sequestro un’area di 1000 mq, in cui sono stati sversati oltre 1000 metri cubi di rifiuti edili, il titolare e altre due persone sono state denunciate per “stoccaggio non autorizzato e smaltimento illecito di rifiuti non speciali e deposito di rifiuti oltre i limiti temporali consentiti”.

condividi: