Operazione Strade Sicure, l'Esercito impiega i militari del Centro d'Eccellenza anti drone per la sorveglianza delle aree interessate dalla visita del presidente russo Vladimir Putin.

Assetti dell'Esercito pronti ad intervenire in occasione dei grandi eventi

Assetti anti drone dell'Esercito, impegnato nell'Operazione Strade Sicure, sono stati impiegati nella Capitale per garantire la protezione delle aree interessate dalla visita del Presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin da eventuali attacchi portati da mini e micro APR (Aerei a Pilotaggio remoto). 


Per la visita del Presidente russo, il dispositivo schierato nella capitale dal Raggruppamento Lazio - Abruzzo a guida Brigata alpina "Julia" è stato integrato dagli assetti antidrone del Centro di Eccellenza Counter M/M APR, del 17° Reggimento Artiglieria Controaerei "Sforzesca" e del Reggimento Addestrativo del Comando Artiglieria Controaerei di stanza a Sabaudia (LT).


Nelle aree interessate sono stati schierati sistemi per l'esercizio delle funzioni di comando e controllo (con un collegamento diretto con la Sala Operativa della Questura), sistemi di sorveglianza ed attuatori (come ad esempio la pistola jammer WILSON) per la neutralizzazione di eventuali attacchi ostili portati dai droni.


La versatilità dell'assetto anti drone, modulabile  alla specifica esigenza, impiegato a livello Task Force,  ne ha consentito lo schieramento in occasione di grandi eventi, quali ad esempio la Festa della Repubblica, la visita di sua Santità Francesco I presso Camerino (MC) e l'inaugurazione della stagione lirica presso l'Arena di Verona alla presenza del Presidente della Repubblica.


Il Centro di Eccellenza è stato costituito a marzo del 2019 nella sede di Sabaudia, alle dipendenze del Comando Artiglieria Controaerei (COMACA), quale polo nazionale a valenza interforze, e si pone l'obiettivo di integrare funzionalità di studio, ricerca, sviluppo concettuale, tecnico, dottrinale, formativo e operativo, nel contrastare, nella maniera più efficace possibile, la nuova minaccia.




condividi: