fonte: COMFOTER di Supporto

Condividi su Linkedin

Gli allievi del primo anno delle Scuole Militari Nunziatella e Teuliè hanno visitato la specialità controaerei dell’Esercito.

Primo approccio degli allievi delle Scuole Militari con la specialità controaerei

​Nei giorni scorsi il Comando Artiglieria Controaerei di Sabaudia ha ricevuto gli allievi del primo anno delle Scuole Militari Nunziatella di Napoli e Teuliè di Milano per una visita d’istruzione sulla specialità controaerei dell’Esercito.

Accolti dal Comandante, Generale di Brigata Fabrizio Argiolas, i giovani allievi hanno assistito ad un briefing sull’artiglieria controaerei in cui è stata presentata la specialità nelle sue componenti, operativa e addestrativa, con specifico riferimento all’organizzazione, alle capacità esprimibili e alle operazioni in cui sono impiegate sia in Patria sia all’estero, permettendo loro di apprezzare la connotazione spiccatamente tecnologica dei sistemi d’arma controaerei e la complessa formazione tecnico-professionale dei suoi Ufficiali, Sottufficiali, Graduati e Militari di Truppa necessaria per l’assolvimento dei compiti assegnati.

Successivamente, gli allievi hanno assistito ad una serie di dimostrazioni operative delle capacità controaerei, dai dispositivi anti-drone del Centro di Eccellenza Counter Mini/Micro Aeromobili a Pilotaggio Remoto (C-M/M APR), ai sistemi missilistici a media, corta e cortissima portata del Gruppo Addestrativo del COMACA e del 17° reggimento artiglieria controaerei “Sforzesca”. Hanno destato particolare interesse gli assetti anfibi della Capacità Nazionale di Proiezione dal Mare (CNPM) equipaggiati con il sistema d’arma Stinger, le prove di discesa in corda doppia e con la tecnica del fast rope dalla torre d’ardimento e l’impiego del simulatore PATO del sistema a cortissima portata Stinger, che rappresenta una peculiarità di impiego unica nella Forza Armata.

Gli allievi delle Scuole Militari Nunziatella e Teuliè, nelle giornate trascorse con gli artiglieri controaerei della caserma Santa Barbara di Sabaudia (LT), hanno potuto ampliare le conoscenze militari ed aggiungere un ulteriore tassello tra le opportunità professionali che l’Esercito offre con le sue componenti specialistiche.

condividi: