fonte: COMFORDOT

Condividi su Linkedin

Addestramento con il mortaio pesante Thomson-Brandt.

Acquisita la capacità di gestione del supporto di fuoco a tiro curvo

​Ha avuto luogo, presso il poligono di Monte Romano, l’attività a fuoco con il mortaio pesante Thomson-Brandt da 120mm svolta da 45 Sottotenenti del 200° corso “Dovere” e 9 Marescialli del XXI corso “Esempio” appartenenti all’Arma di Fanteria.

I futuri Comandanti, suddivisi in due plotoni ciascuno composto da cinque squadre, si sono addestrati in attività di tiro, esercizi di tiro di concentramento e di cambio obiettivo, cortine di interdizione e sbarramento. In particolare, sono state verificate le procedure d’impiego, l’organizzazione e l’efficacia del fuoco, l’abilità nel calcolo dei dati di tiro, nonché si è proceduto alla valutazione degli effetti del fuoco sugli obiettivi designati.

All’attività addestrativa ha assistito il Generale di Corpo d’Armata Salvatore Camporeale, Comandante della Formazione, Specializzazione e Dottrina dell’Esercito accompagnato dal Generale di Brigata Roberto Viglietta, Comandante della Scuola di Fanteria.

Al termine dell’esercitazione, il Comandante del COMFORDOT ha incontrato i giovani Sottotenenti e Marescialli dell’Arma di Fanteria, e nel congratularsi per l’alto livello addestrativo raggiunto, durante la fase di specializzazione, ha evidenziato: “L’addestramento è un aspetto imprescindibile di chi sceglie la professione militare. Fate tesoro di questo periodo di preparazione, traete il massimo dagli insegnamenti e dall’esperienza dei vostri Comandanti e Istruttori. Non sprecate neanche un secondo poiché nessuno vi restituirà il tempo perso.”

La scuola tiro mortai ha rappresentato il culmine di un'intensa attività volta a far acquisire ai prossimi Comandanti di plotone di minori unità della Fanteria le capacità di gestione del supporto di fuoco a tiro curvo.

Il prossimo step addestrativo, nell’ambito dell’obiettivo formativo dei Comandanti di plotone in ambiente WAR, vedrà impegnati gli Ufficiali con tutte le armi in dotazione alla Fanteria, anche a bordo dei mezzi, nonché in attività tattiche offensive e difensive con attacco e difesa di posizioni.

I Marescialli del XXI “Esempio”, nei prossimi giorni, completeranno la fase di specializzazione con l’addestramento sulle piattaforme da combattimento, per poi rientrare, a fine luglio, alla Scuola Sottufficiali dell’Esercito per il conseguimento della laurea e la successiva assegnazione alle unità di Fanteria.

condividi: