fonte: COMFOP Sud

In Sicilia continua l’impegno dell’Esercito per contenere l'emergenza sanitaria dovuta al Covid-19.

I “Lancieri di Aosta”, sempre presenti a favore della collettività

​Anche nel corso della 3^ fase di questa emergenza epidemiologica, il Reggimento "Lancieri di Aosta" (6°), comandato dal Colonnello Mario Ciorra, ha svolto diverse attività a supporto del comune di Palermo e della collettività.

Dopo la volontaria donazione di fondi a favore della Protezione Civile regionale, sono state condotte numerose attività di sanificazione di strutture e luoghi pubblici e di culto, tra i quali il celebre Santuario di Santa Rosalia, meta di pellegrinaggio di numerosi fedeli e turisti.

Nei giorni scorsi è stata ultimata la distribuzione di generi di conforto per le famiglie disagiate a Caltanissetta e nella piccola cittadina di Delia (CL).

I Lancieri, che restano ancora impegnati nell'ambito dell'Operazione "Strade Sicure" nella città di Palermo, hanno continuato a supportare il Comune nella distribuzione di mascherine chirurgiche e hanno affiancato enti e associazioni in svariate attività sociali.

A ricordo dell'impegno, di oggi e di ieri, degli uomini e delle donne del Reggimento, i Lancieri, nel rispetto delle limitazioni previste a causa dell'emergenza Covid-19, hanno anche commemorato il 154° anniversario della battaglia di Custoza, per la quale il Reggimento è stato insignito della medaglia d'oro al valor militare. A margine della sobria e importante cerimonia, alcuni militari del Reggimento hanno inoltre prestato solenne giuramento di fedeltà alla Repubblica Italiana in qualità di Marescialli e Graduati dell'Esercito.

Le celebrazioni si sono concluse ieri sera con lo spegnimento delle luci del tricolore che, per oltre due mesi, ha illuminato la storica palazzina Comando del Reggimento. I colori della nostra bandiera italiana, proiettati sull'imponente facciata dell'edificio, hanno rappresentato speranza e voglia di rinascita per tutta la cittadinanza palermitana nei momenti più difficili di questa emergenza sanitaria.

condividi: