fonte: COMFOTER di Supporto

Imponente sanificazione effettuata dai militari dell’Esercito Italiano  presso il Tribunale del capoluogo scaligero.

La sinergia delle Istituzioni al servizio del Paese

​Lo scorso fine settimana, tre nuclei disinfettori del Comando delle Forze Operative Terrestri di Supporto hanno effettuato operazioni di sanificazione presso i locali del Tribunale Civile e Penale e della Procura della Repubblica di Verona.

La sanificazione ha interessato aree comuni, uffici, aule processuali, aree esterne ed interne, nonché gli uffici del giudice di pace, dislocati presso un complesso limitrofo. L’area, che si estende su una superficie di oltre 15.000 mq., ha richiesto l’intervento di sei disinfettori specializzati, muniti di tutti i dispositivi individuali di protezione previsti, che si sono alternati, a seconda delle dimensioni e dell’accessibilità dei locali, nell’utilizzo di un atomizzatore di grande capacità trainato su VM, due atomizzatori di media capacità spalleggiati a motore, cinque pompe a bassa pressione spalleggiabili elettriche e un atomizzatore con lancia motorizzato.

“Voglio cogliere l’occasione per ringraziare l’Esercito della disponibilità che credo vada oltre quelli che sono i doveri istituzionali della Forza Armata – le parole del Dott. Ernesto D’Amico, Presidente Vicario del Tribunale di Verona - specie in questo momento in cui abbiamo tutti bisogno che le Istituzioni dello Stato collaborino tra di loro. Credo che migliore esempio di questo non ci possa essere. Ancora una volta, un ringraziamento sentito a voi che state svolgendo questa attività davvero importante perché la nostra attività possa proseguire. Grazie ancora”.

L’intervento rientra tra le molteplici attività di prevenzione richieste dall’autorità prefettizia, che l’Esercito Italiano sta effettuando per contrastare la diffusione del CoViD-19 e garantire la sicurezza dei cittadini. Nelle prossime settimane, saranno effettuate altre attività di sanificazione che interesseranno gli Uffici del Comune, in vista di una possibile prossima riapertura al pubblico.


condividi: