fonte: COMFOTER di Supporto

A Sabaudia, sede del Comando Artiglieria Controaerei, si è celebrato il 105° anniversario della costituzione del primo reparto controaerei italiano.

La specialità controaerei festeggia i 105 anni

​Si è svolta venerdì scorso alla caserma “Santa Barbara” di Sabaudia, sede del Comando Artiglieria Controaerei, la cerimonia per la commemorazione del 105° anniversario della costituzione del primo reparto della specialità controaerei dell’Esercito Italiano.

Il 10 gennaio del 1915 la commissione mista Esercito - Marina per lo studio dei materiali destinati al tiro contro aeronavi, presieduta dal Maggior Generale Alfeo Clavarino (primo Comandante dell'Artiglieria Controaerei), ha decretato la costituzione a Nettuno del primo Reparto controaerei, con materiale autoportato acquisito in precedenza per la sperimentazione.

Il reparto, costituito da 4 sezioni per un totale di circa 140 uomini tra Ufficiali, Sottufficiali, Militari di Truppa e civili, oltre che da 60 cavalli, fu affidato al Capitano Augusto de Pignier con compiti tecnico-addestrativi e di formazione di sezioni controaerei da impiegare sia in operazioni campali sia nella protezione di città e di stabilimenti di produzione.

Il Comandante dell’artiglieria controaerei, Generale di Brigata Fabrizio Argiolas, nel formulare gli auguri a tutti gli artiglieri controaerei per l'anniversario della costituzione della specialità, ha ricordato che nel 1915 la capacità controaerei si rendeva necessaria per fronteggiare la nuova minaccia proveniente dal cielo (l’aeroplano era nato da circa un decennio), ed ha sottolineato come, soprattutto al giorno d’oggi, l’artiglieria controaerei abbia la necessità di essere in costante aggiornamento per fronteggiare minacce in continua evoluzione come velivoli ad ala rotante e ala fissa, missili balistici e droni.

Ricordare gli eventi del passato e commemorare i momenti fondamentali della storia della specialità contribuisce efficacemente a consolidare lo spirito di corpo, per la condivisione dei valori dell'Essere Soldato e per affrontare le nuove sfide che l'artiglieria controaerei dovrà sostenere nel medio e lungo termine.

condividi: