fonte: Comando Truppe Alpine

Neo assegnati al reparto si cimentano nelle prime attività di movimento e sopravvivenza in ambiente montano.

Tecniche di movimento e sopravvivenza in montagna

​Il personale del 5° Reggimento Alpini ha concluso ieri un duro periodo di addestramento lungo le valli dell’Alto Isarco, volto ad incrementare le capacità di movimento in ambiente innevato e ad acquisire le principali tecniche di sopravvivenza in ambiente montano in un contesto invernale.

Le abbondanti nevicate di queste ultime settimane si sono infatti dimostrate un’importante opportunità addestrativa per oltre 50 nuove reclute assegnate al 5° Reggimento Alpini nei mesi estivi, che hanno avuto per la prima volta la possibilità di cimentarsi in tutte quelle tecniche di movimento e sopravvivenza in montagna che sono caratteristiche del Corpo degli Alpini, oltre ad effettuare esercitazioni di tiro in ambiente invernale, utilizzando quindi sci o racchette da neve. In questo contesto, le valli circostanti la cittadina di Vipiteno (BZ) sono divenute teatro di ascese sci-alpinistiche e pernottamenti in quota in ricoveri di fortuna scavati sul manto nevoso.

Il 5° Reggimento Alpini ha inoltre messo a disposizione una propria area addestrativa per il tracciamento – grazie alla collaborazione del comune di Vipiteno – di una pista di sci di fondo a beneficio di tutta la cittadinanza, a dimostrazione del legame sempre più forte tra il Reparto e la città alto atesina che da diversi decenni lo ospita.

condividi: