fonte: COMFOTER di Supporto

I pionieri dell’Esercito hanno realizzato una piattaforma in calcestruzzo  per la costruzione della nuova officina.

Incremento delle capacità di mantenimento del parco mezzi del Genio

Si sono conclusi ufficialmente martedì scorso, con una cerimonia alla presenza del Comandante del 6° Reggimento Genio Pionieri, colonnello William De Matteis e del Comandante del 32° Reggimento Genio Guastatori, colonnello Alberto Autunno, i lavori effettuati dai pionieri dell'Esercito per la costruzione di un basamento in calcestruzzo armato di 2.400 m².

In meno due mesi, i genieri del 6° Reggimento Pionieri hanno realizzato l'opera propedeutica al posizionamento di una tensostruttura ad uso officina che permetterà di implementare le attività logistiche di mantenimento dei mezzi in favore del 32° Reggimento Guastatori, impiegando 1.200 m³ di cemento e 46 tonnellate di acciaio.

La costruzione della piattaforma è il primo passo per la realizzazione di un'officina leggera, la cui idea progettuale è stata eseguita dallo stesso 32° Reggimento Genio Guastatori che ha concepito una struttura ad hoc, perfettamente aderente alle esigenze di un reggimento del Genio.

Tale sforzo ha richiesto – e continuerà a richiedere fino al suo completamento - il coinvolgimento di enti tra cui la Direzione per gli Armamenti Terrestri, il Comando Logistico dell'Esercito e il 1° Reparto Infrastrutture, sotto il coordinamento del Dipartimento Infrastrutture dell'Esercito.

La realizzazione del basamento e tutta la fase di progettazione e di direzione dei lavori è stata svolta dal 6° Reggimento Genio Pionieri quale "organo esecutivo del Genio", specificità meglio nota con l'espressione "Capacità Campalgenio".

Al giorno d'oggi, la Forza Armata è chiamata ad affrontare molteplici sfide, tra le quali l'ammodernamento di parte delle infrastrutture dell'Esercito nell'ambito del programma ad ampio spettro denominato "Caserme Verdi", fondamentale per il miglioramento delle condizioni di vita e della condotta di attività addestrative e operative delle unità.


condividi: