fonte:

Condividi su Linkedin

Continua la collaborazione tra l’Esercito e l’Università LUISS

Gli studenti della LUISS alla Scuola di Fanteria

​Si è conclusa nei giorni scorsi, presso la Scuola di Fanteria di Cesano, l’edizione 2021 della “Summer School”, un progetto frutto della collaborazione tra l’Esercito e la Libera Università Internazionale degli Studi Sociali “Guido Carli” (LUISS), che ha visto 14 studenti dell’Ateneo romano cimentarsi in attività militari teorico-pratiche, con l’ausilio di qualificati istruttori e tutor della Scuola.

L’iniziativa, nata per valorizzare anche in chiave promozionale le eccellenze formative e addestrative della Forza Armata e porre il sistema Difesa al servizio e beneficio della collettività, ha visto protagonisti alcuni studenti di diverse facoltà della LUISS quali giurisprudenza, economia e management, governo e politiche e relazioni internazionali.

Il progetto è stato articolato su due moduli; il primo ha riguardato un ciclo di lezioni teoriche relative all'organizzazione e alle attività svolte dell’Esercito Italiano, ai valori e all’etica militare, alla leadership, al team building e team working, lo stress management, nonché sono stati affrontati aspetti inerenti alle tecniche di negoziazione e alle attività di Key Leader Engagement. Il secondo modulo è stato caratterizzato dallo svolgimento di attività pratiche tipiche dell’addestramento individuale come la topografia, il primo soccorso, la conoscenza delle procedure di utilizzo della radio e modalità di inoltro dei messaggi, il riconoscimento di mine e di ordigni improvvisati.

La “Summer School 2021” si è conclusa con un’esercitazione pratica continuativa, della durata di 24 ore, che ha impegnato gli studenti universitari in una serie di prove: l’organizzazione di un accampamento, la pianificazione e lo studio di un itinerario, l’individuazione di un campo minato la simulazione di un ingaggio con fazioni ribelli e il comportamento da adottare in caso di cattura.

Il progetto “Summer School” nasce dalla convinzione che l’integrazione tra realtà accademica e militare arricchisce il percorso formativo universitario, consentendo allo studente di acquisire una conoscenza diretta e concreta delle attività istituzionali dell’Esercito, nel più ampio quadro della politica estera nazionale.

condividi: