I militari dell'Esercito, in servizio per l'Operazione Strade Sicure a Catania, hanno bloccato e fatto arrestare un aggressore e uno spacciatore.

Due arresti a Catania nell'ambito dell'Operazione "Strade Sicure"

Un fine settimana impegnativo per due pattuglie dell'Esercito, in forza al 62° Reggimento Fanteria "Sicilia", impiegate in attività di presidio nell'ambito dell'operazione "Strade Sicure" a Catania, che hanno fermato un aggressore e uno spacciatore.

 

Nel primo caso, una pattuglia è intervenuta per placare un uomo che urlava e infastidiva i passanti con atteggiamento molesto. Alla vista dei militari, che lo hanno invitato a tenere una condotta più decorosa, l'individuo si è dimostrato immediatamente collaborativo. Dopo pochi minuti però, l'uomo, che veniva controllato a vista dal personale dell'Esercito, ha estratto un coltello da una tasca tentando di sferrare un colpo in direzione di una donna poco distante. l militari sono intervenuti immediatamente e, applicando le tecniche del metodo di combattimento militare (MCM), hanno bloccato e disarmato l'uomo consentendo alla donna di allontanarsi. Immobilizzato l'individuo, la pattuglia ha chiesto intervento delle Forze di Polizia che, giunte sul posto, hanno preso in custodia il malvivente, trasportandolo in Commissariato per i successivi accertamenti.

 

L'altra pattuglia è, invece, intervenuta per bloccare uno spacciatore durante un inseguimento condotto da agenti motociclisti della Polizia di Stato. Alla vista delle Forze dell'Ordine, l'individuo, che era stato sorpreso a spacciare droga a ragazzi della zona, si era dato alla fuga fra i vicoli del centro storico. Constatato quanto stava accadendo, i militari dispiegavano il dispositivo, riuscendo ad interdire la fuga dell'uomo che veniva bloccato. I militari, inoltre, riuscivano ad evitare che il pusher, vistosi fermato, ingerisse parte della sostanza stupefacente che aveva al seguito, prima di consegnarlo agli agenti sopraggiunti, che provvedevano a trarlo in arresto e condurlo presso gli uffici della Questura per le procedure di rito. 


condividi: