fonte: SME

Prosegue l'impegno della Task Force Genio nella rimozione delle macerie dalle aree colpite dal terremoto.

Dal 10 agosto la Task Force Genio è schierata presso i comuni delle Marche

​I genieri dell’Esercito, in concorso alla Protezione Civile e alla Regione Marche, continuano l’attività quotidiana di demolizione, rimozione e trasporto delle macerie, iniziata il 10 agosto presso i comuni delle Marche.

Dopo aver già liberato dalle macerie diverse aree colpite dal terremoto, gli uomini e le donne della Task Force Genio dell'Esercito stanno attualmente effettuando attività di demolizione e trasporto delle macerie situate nel comune di Sarnano (MC), in seguito alla conclusione delle operazioni presso la frazione di Gualdo di Castelsantangelo sul Nera.

L’Esercito è quotidianamente impegnato nelle delicate operazioni di demolizione di edifici pericolanti e conferimento, presso i siti di deposito temporaneo, delle macerie dislocate presso i Comuni di Arquata del Tronto e Montegallo nella provincia di Ascoli, e Sarnano e la frazione di Vallinfante di Castelsantangelo sul Nera, nella provincia di Macerata.

I reparti che al momento concorrono alla formazione della Task Force Genio sono il 6° Reggimento Genio Pionieri, il 2° Reggimento Genio Pontieri e il Reggimento Genio Ferrovieri.

Contemporaneamente prosegue l’operato delle squadre di tecnici dell’Esercito e dell’Aeronautica militare per l’effettuazione delle verifiche di agibilità di edifici colpiti dal terremoto.

L’operato dei genieri presso le aree colpite dal sisma rappresenta un impegno continuo che dimostra, ancora una volta, come la Forza Armata sia una risorsa efficace e preziosa al servizio del Paese in casi di pubbliche calamità. L’Esercito è sempre presente nelle province del Centro – Italia fin dalle prime ore del 24 agosto e grazie alla dualità dei propri reparti del Genio, la Forza Armata dimostra di essere una risorsa indispensabile, in seguito ad eventi calamitosi, per il ripristino della viabilità, per l’urbanizzazione di aree da adibire a scuole o soluzioni abitative, e per il trasporto di macerie.

condividi: