fonte: COMFOP SUD

Condividi su Linkedin

Esercito sigla un protocollo d’intesa per l’insegnamento della lingua e lo scambio culturale tra studenti italiani e libanesi.

L’istruzione come strumento di unione tra giovani di diverse culture

Nei giorni scorsi è stato siglato un Protocollo d'intesa tra il Comando Forze Operative Sud dell'Esercito, il Liceo "Pietro Giannone" di Caserta, il Rotary International - Distretto 2100 di Caserta e la Congregazione dei Santi Cuori di Gesù e della Vergine in Libano per l'avvio di un progetto didattico volto all'insegnamento della lingua e della cultura italiana a giovani studenti libanesi.

 

All'incontro in videoconferenza hanno partecipato il Generale di Corpo d'Armata Giuseppenicola Tota, Comandante del COMFOP SUD, la Prof.ssa Marina Campanile, Dirigente Scolastico del Liceo "Giannone", il Prof. Massimo Franco, Governatore del Distretto 2100 del Rotary e Suor Josephine Nasr, della scuola Saint Michel in Jezzine, collegata dalla sede del contingente UNIFIL di Shama, in Libano. Presenti nella sala polifunzionale di Palazzo "Salerno", sede del COMFOP Sud, anche alcuni studenti del Liceo "Giannone".

 

Scopo del Protocollo è quello di realizzare nel corso del prossimo anno scolastico un progetto didattico nell'area linguistico–umanistica, con l'ausilio di tecnologie multimediali utilizzando un approccio di tipo attivo e laboratoriale per l'apprendimento della lingua e della cultura italiana da parte degli studenti libanesi e della cultura e civiltà libanese, l'antica Fenicia, da parte degli studenti del Liceo "Giannone".

 

Il COMFOP Sud curerà la consegna di materiali, arredi e strumenti didattici donati dal Liceo "Giannone" alla scuola Saint Michel di Jezzine in Libano e coordinerà le attività che il Rotary International intenderà effettuare a favore della Congregazione.

 

Il Generale Tota, nel corso del suo intervento, ha ringraziato tutti i rappresentanti per la lodevole iniziativa in favore dei giovani studenti, evidenziando come l'istruzione rappresenti uno strumento di unione tra i popoli di diverse culture, etnie e religioni. Il Comandante del COMFOP Sud ha inoltre ringraziato il Generale di Brigata Davide Scalabrin, Comandante del Sector West di UNIFIL per la disponibilità e il supporto fornito per la realizzazione della videoconferenza.


L'attività si è svolta nel rispetto delle misure di prevenzione da COVID-19.


condividi: