fonte: NRDC-ITA

NRDC-ITA incontra l'Università degli Studi di Napoli "L'Orientale" per un progetto di collaborazione.

NRDC-ITA: nuove sinergie fra il mondo accademico e quello militare

Una delegazione del Corpo d'Armata di Reazione Rapida della NATO in Italia (NRDC-ITA) ha incontrato ieri alcuni alti rappresentanti dell'Università degli Studi di Napoli "L'Orientale". La delegazione, guidata dal Gen. D. Maurizio Riccò, Capo di Stato Maggiore del NRDC-ITA, è stata accolta dalla Rettrice de "L'Orientale", Prof. Elda Morlicchio e da una rappresentanza di docenti e dirigenti.

L'incontro è stato organizzato dalla branca funzionale del NRDC-ITA denominata Knowledge Development (KD), deputata all'approfondimento della conoscenza e all'analisi delle informazioni inerenti possibili aree di crisi, con particolare riferimento agli aspetti politici, sociali ed economici. In dettaglio, la proposta di collaborazione formulata da NRDC-ITA rientra nell’ambito del “Crisis Management” (Gestione della Crisi) e riguarda un’interazione con l’Ateneo volta, principalmente, ad una migliore comprensione della dimensione sociale, con particolare riguardo agli aspetti culturali e linguistici di aree di crisi inerenti il cosiddetto fianco Sud dell'Alleanza Atlantica (NATO Strategic Southern flank).

Nel corso dell'incontro sono emerse e si sono potute condividere, in uno stimolante consesso accademico, le esperienze maturare dal team KD nell’interagire con alcuni Atenei sugli scenari delle esercitazioni condotte nel corso degli ultimi quattro anni e che hanno portato NRDC-ITA ad ottenere la validazione e riconfigurazione in Comando Multinazionale e Interforze (Joint Task Force Headquarters).

L’esperienza maturata da NRDC-ITA in tale campo ha dimostrato che l’interazione civile-militare nell’ambito della gestione della crisi non solo è possibile, sia nella fase di pianificazione che in quella condotta, ma di fondamentale utilità per una profonda e completa conoscenza delle diverse dimensioni dell’ambiente operativo contribuendo, inoltre, al raggiungimento degli obiettivi prefissati in modo più rapido, efficiente, efficace, economico e, soprattutto, più sicuro per il personale militare dell’Alleanza.

In tale ambito, autorevole e significativo risulta il potenziale contributo de "L’Orientale", la più antica Scuola di sinologia e orientalistica del continente europeo, con una consolidata tradizione di studi nelle lingue, culture e società dell’Europa, dell’Asia, dell’Africa e delle Americhe, che si è da sempre proposta come un centro di studio e di ricerca per porre in evidenza le differenze e i punti di contatto tra le culture.

Ancora una volta NRDC-ITA è protagonista nel realizzare sinergie fra il mondo accademico e quello militare, evidenziando quanto gli effetti delle azioni militari possano essere potenziati da un adeguato sfruttamento di un’opportuna, coordinata e tempestiva capacità di azione nel contesto socio-politico e culturale.


condividi: