fonte: NRDC-ITA

NRDC-ITA offre la propria collaborazione per formare un nuovo profilo manageriale.

Diverse culture organizzative si confrontano per un più efficace coordinamento

​Nel segno degli accordi di collaborazione siglati da NRDC-ITA con l'Università, un'altra concreta attività è stata messa a segno. Si è svolta nei giorni scorsi, presso l'Università Carlo Cattaneo - LIUC di Castellanza (VA), una tavola rotonda a conclusione del corso di alta formazione universitaria per "Formatori e Gestori delle Risorse Umane nel Sistema di Sicurezza, Protezione e Difesa Civile" al quale anche NRDC-ITA ha contribuito fornendo la qualificata collaborazione di un Ufficiale Medico per la cattedra di Major Incident Medical Management and Support (MIMMS). 


Il corso è stato organizzato dalla LIUC in collaborazione con l' UNUCI di Gallarate con l'obiettivo di formare una figura professionale dotata di specifiche competenze manageriali, tecniche ed operative, allo scopo di aumentare la resilienza dell'intero sistema di gestione delle emergenze in scenari di crisi, disastri e maxi-emergenze ambientali, naturali, anche di natura dolosa o terroristica, cui possono efficacemente concorrere, se adeguatamente formati, anche gli appartenenti alla Riserva, secondo un modello più moderno, sostenibile, allargato, modulare e flessibile a disposizione dell'intero sistema-paese. 


La tavola rotonda moderata dal Prof. Flavio Cruciatti, direttore del corso, si è svolta alla presenza del Prefetto di Varese, Dott. Giorgio Zanzi, del Questore dott. 


Giovanni Pepè e vi ha partecipato, tra gli altri, il Capo di Stato Maggiore di NRDC-ITA, Generale di Divisione Maurizio Riccò. "Le crisi dei nostri giorni, divenute transnazionali - ha ricordato il Generale - richiedono sempre più spesso delle soluzioni interdisciplinari, interministeriali e inter-agenzie. 


Proprio la conoscenza reciproca dei diversi attori e delle reciproche competenze, che corsi come quello appena conclusosi rendono possibile, permette un intervento coordinato, efficiente ed efficace. Anche l'Esercito ha un ruolo in questo, essendo come dimostrato, sempre pronto ad intervenire su richiesta delle autorità prefettizie in caso di calamità o di altro tipo di emergenza, ed esprimendo così la sua capacità dual use."

condividi: