fonte: NRDC ITA

Memorandum di Cooperazione fra il Nato Rapid Deployable Corps-ITA e LUISS di Roma.

Proseguono le sinergie fra il mondo accademico e quello militare

​Nella giornata di ieri, il Generale di Divisione Maurizio Riccò, Capo di Stato Maggiore di NRDC-ITA, ha rappresentato il Comando di Solbiate Olona (Varese) presso la sede della Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli (LUISS) di Roma, dove, alla presenza del Rettore, Professoressa Paola Severino, e del Direttore Generale, Giovanni Lo Storto, ha siglato un memorandum di cooperazione con il prestigioso Ateneo.

 

Tale accordo prevede la partecipazione di selezionati studenti della LUISS alle attività del Comando, in supporto al team del Knowledge Development (KD), branca funzionale del NRDC-ITA che favorisce la comprensione di sistemi complessi, in supporto alle decisioni del Comandante, fornendo analisi dell'ambiente operativo di carattere Politico, Economico, Sociale, delle Informazioni (intese come mezzi di comunicazione) e delle Infrastrutture, in aggiunta alla più classica analisi dell'ambiente militare.

 

Gli studenti della LUISS avranno dunque l'occasione di misurare le capacità acquisite durante il corso di studi già in occasione dell'esercitazione per Posti Comando "Brilliant Ledger 2017", apprezzando così l'applicazione diretta in situazioni pragmatiche e reali ancorché riferite a scenari di esercitazione.

 

Si tratta di un'esercitazione che NRDC-ITA si appresta a svolgere nel mese di ottobre prossimo, in vista di ricoprire, nel 2018, il ruolo di Comando della Componente Terrestre (Land Component Command - LCC) della eNRF (enhanced NATO Response Force), uno strumento militare di reazione rapida a disposizione dell'Alleanza in grado di schierarsi in tempi brevissimi in qualsiasi area di crisi. Lo staff di NRDC-ITA inoltre avrà la possibilità di avanzare richieste specifiche di supporto per argomento e area geografica, e potrà fornire al contempo orientamento, assistenza e consulenza.

 

L'esperienza maturata da NRDC-ITA nel campo della collaborazione con il mondo accademico ha dimostrato che l'interazione civile-militare nell'ambito della gestione della crisi non solo è possibile, sia nella fase di pianificazione sia in quella di condotta, ma è di grande utilità  per una profonda e completa conoscenza delle diverse dimensioni dell'ambiente operativo, contribuendo, inoltre, al raggiungimento degli obiettivi prefissati in modo più rapido, efficiente, efficace, economico e, soprattutto, più sicuro per il personale militare dell'Alleanza.

 

L'accordo con la LUISS segue l'intesa recentemente siglata con l'Università di Parma lo scorso 5 settembre.


condividi: