fonte: SME

Il Capo di Stato Maggiore dell'Esercito tra i relatori del "RUSI Land Warfare Conference 2018" al Royal United Services Institute di Londra.

Il Capo di SME al Royal United Services Institute (RUSI) di Londra

​Nella giornata di ieri, presso il Royal United Services Institute (RUSI) di Londra, il Capo di Stato Maggiore dell'Esercito, Generale di Corpo d'Armata Salvatore Farina, ha preso parte alla RUSI Land Warfare Conference 2018, l'annuale evento che riunisce nella capitale inglese analisti, studiosi e Capi di Stato Maggiore delle forze militari terrestri di diversi Paesi alleati o partner della NATO.

 

Il Generale Farina è stato ricevuto dal Direttore Generale dell'Istituto, dottor Karin von Hippel, il quale ha dato inizio ai lavori salutando gli ospiti presenti. Tra le autorità intervenute, le più alte cariche militari degli eserciti europei ma anche di altri importanti nazioni provenienti da differenti continenti.

 

Cinque le sessioni previste dal programma della conferenza e molti gli interventi di relatori, non soltanto militari, appartenenti al mondo della ricerca, dell'università e del giornalismo, che si sono confrontati tra loro nell'analisi delle sfide che devono affrontare le forze terrestri di oggi in un ambiente di sicurezza globale caratterizzato da costante competizione e imprevedibilità: dai principi della manovra (compresa quella nella terza dimensione) sino all'individuazione delle capacità militari necessarie per affrontare gli avversari del futuro.

 

Il Generale Farina ha preso la parola nel corso della terza sessione dei lavori, dal titolo "In che modo le Forze terrestri possono contribuire a ottenere risultati strategici". Nel corso del suo intervento, il Capo di Stato Maggiore ha voluto evidenziare quanto sia importante per un'organizzazione militare sapersi adeguare a cambiamenti spesso anche radicali, sottolineando l'importanza dei Corpi Multinazionali, che rappresentano oggi una realtà efficace all'interno della NATO e su cui si deve far leva affinché l'Alleanza Atlantica sia più forte e più in grado di adattarsi a qualsiasi sfida futura.

condividi: