fonte: 6° Reggimento Genio

I militari del Genio hanno completato le demolizioni degli edifici inagibili anche con neve e condizioni meteo avverse

Trasportate oltre 156.000 tonnellate di macerie

I genieri dell’Esercito hanno demolito il millesimo fabbricato inagibile situato presso la frazione di Pretare di Arquata del Tronto in uno dei luoghi simbolo del terremoto del 24 agosto 2016. Quotidianamente i militari operano in sinergia con le Istituzioni locali per l’effettuazione di attività come quella odierna, che risultano fondamentali per la fase di ricostruzione.

L’attività di demolizione, rimozione e trasporto delle macerie è iniziata il 14 agosto 2017 con la prima demolizione proprio nel comune ascolano. Le operazioni continuano ancora oggi, anche in condizioni meteorologiche avverse, grazie all’addestramento dei militari e all’esperienza acquisita in oltre due anni di permanenza nelle zone colpite da sisma.

In oltre un anno di rimozione delle macerie i genieri dell’Esercito, provenienti da tutte le unità del Comando Genio e dai Reggimenti Guastatori hanno rimosso e conferito presso i siti di deposito temporaneo oltre 156.000 tonnellate.

L’Esercito è sempre presente nelle province del Centro – Italia fin dalle prime ore del 24 agosto e grazie alla dualità dei propri reparti del Genio, la Forza Armata dimostra di essere una risorsa indispensabile, in seguito ad eventi calamitosi, per il ripristino della viabilità, per l’urbanizzazione di aree da adibire a scuole o soluzioni abitative, e per il trasporto di macerie.


condividi: