fonte: COMFOP Nord

Simulata la ricerca e il soccorso di persone smarrite con gli elicotteri dell'Esercito.

Integrazione tra Esercito e Protezione Civile

​Per due giorni il 7° Reggimento AVES “Vega”, dell’Esercito Italiano, e le componenti operative del sistema Protezione Civile sono state protagoniste, sul litorale romagnolo, con simulazioni d’interventi in caso di emergenze, a terra o in mare, nell’ambito della manifestazione “EmergeRimini”.

L'evento, organizzato dalle locali Associazioni di Protezione Civile e coordinato dalla Prefettura di Rimini, nasce con l'intento di esercitare i volontari locali con gli operatori della Protezione ed è stato un momento per dimostrare la piena integrazione con gli elicotteri dell’Esercito Italiano i quali, pur concepiti per scopi prettamente militari, hanno caratteristiche tali da poter essere proficuamente utilizzati in ogni situazione di emergenza.

Sabato 14 aprile si è svolta una simulazione di ricerca e soccorso di una persona dispersa e rimasta ferita in zona non facilmente raggiungibile via terra, impiegando un AH129 Mangusta e un NH90 del 7° Reggimento. In particolare, l’elicottero l’AH129, dotato di un performante sistema di osservazione diurno e notturno, ha trovato la persona smarrita, fornendo indicazioni alla squadra a terra del Soccorso Alpino, che lo ha raggiunto e stabilizzato preparandolo per il recupero, mediante verricello, avvenuto con l’elicottero NH90.

Nell’ambito dell’evento è stato inoltre allestito un infopoint, dedicato alla distribuzione di materiale divulgativo e promozionale, e una esposizione di equipaggiamento di sopravvivenza dei piloti, di un veicolo VTLM Ambulanza “Lince” in dotazione al 66° Reggimento Fanteria Aeromobile "Trieste", di robot a controllo remoto in dotazione al Reggimento Genio Ferrovieri e utilizzati per la verifica e l’ispezione di ordigni esplosivi.


condividi: