Condividi su Linkedin

Un elicottero UH-90A del 5° reggimento “RIGEL” soccorre due alpinisti bloccati in parete.

2 elicotteri dell’Esercito pronti ad intervenire 24 ore al giorno

I piloti e gli specialisti del 5° reggimento AVES “RIGEL”, di stanza a Casarsa della Delizia (PN), grazie alla capacità di volo notturno, sono decollati alle 4 di questa notte con un elicottero da trasporto tattico UH-90A, per soccorrere due alpinisti bloccati lungo la parete nord del Monte Zermula.


L’assetto elicotteristico, attivato dal Comando delle Operazioni Aerospaziali (COA) di Poggio Renatico (FE), dopo aver imbarcato due soccorritori del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) presso il campo base allestito in località Cason di Lanza (UD) è riuscito a far scendere, con il verricello, i soccorritori direttamente in parete prelevando, uno alla volta, i due alpinisti.


L’intervento dell’equipaggio dell’Esercito, in servizio di Pronto Intervento Aereo Nazionale (PIAN), è risultato determinante per la riuscita del salvataggio, riuscendo ad arrivare in un’area impervia di notte grazie all’ausilio dei visori notturni.


Le operazioni di ricerca e soccorso si inquadrano nel più ampio piano di Pronto Intervento Aereo Nazionale (PIAN) nell’ambito del quale il “RIGEL” fornisce la propria costante disponibilità di 2 elicotteri, pronti ad intervenire 24 ore al giorno con immediatezza in caso di necessità.


condividi: