fonte: ITNCC Land - Erbil

Fino a oggi qualificati oltre 450 istruttori delle Forze di Sicurezza nella missione in Iraq.

L’Esercito Italiano qualifica nuovi istruttori iracheni

​Nell’ambito della missione Inherent Resolve in Iraq, nei giorni scorsi, presso i Training Centers del Kurdistan Training Coordination Center (KTCC), sono stati consegnati gli attestati a 90 allievi, di cui 12 militari donne, frequentatori dei corsi Advanced Instructors e Master Instructors.

La partecipazione delle donne-soldato nelle Forze di Sicurezza irachene e della Regione Autonoma del Kurdistan, rappresenta un processo in progressivo consolidamento, a cui la Coalizione concorre con il supporto di strumenti quale il Gender Advisor Team, impegnato nell’ambito delle pari opportunità di genere.

Ad oggi, la formazione condotta dai Mobile Training Teams (MTT), le squadre di personale istruttore multinazionali che fanno capo al KTCC, per la maggioranza costituiti da personale militare dell’Esercito Italiano, ha qualificato oltre 450 istruttori.

Alla cerimonia di consegna degli attestati ai neo istruttori delle Forze di Sicurezza irachene ha presenziato la Console Generale d’Italia ad Erbil, Dottoressa Serena Muroni che ha sottolineato l’obiettivo comune di contrasto al terrorismo e alla minaccia del DAESH e gli eccellenti risultati fino ad oggi conseguiti.

Il Comandante del KTCC, Colonnello Giuseppe Levato, si è congratulato con i frequentatori dei corsi per l’impegno profuso, rimarcando l’eccellente rapporto che viene immancabilmente stabilito tra il personale militare istruttore delle forze della Coalizione ed i colleghi Peshmerga nella veste di allievi.

Il Kurdistan Training Coordination Center, unità a guida italiana inserita nell'operazione “Inherent Resolve”, ha il compito di addestrare le Forze di Sicurezza curde, in un’ottica di raggiungimento di idonee capacità di self-sustaining da parte delle forze locali. Attualmente, è composto da circa 230 militari provenienti, oltre che dall’Italia anche dalla Finlandia, Germania, Gran Bretagna, Olanda, Slovenia e Ungheria. Organicamente, è costituita prevalentemente da personale dell’Esercito Italiano con uno Staff che pianifica, organizza e coordina le attività addestrative effettuate dai Mobile Training Teams, con una capacità di gestione di circa 2.000 allievi per ciascun ciclo formativo della durata di circa 2 mesi.

condividi: