fonte: SME

Il Generale Errico torna nelle zone colpite dal terremoto per incontrare uomini e donne dell’ Esercito ancora al lavoro per il supporto alla popolazione.

Il Capo di SME a Muccia e ad Amatrice per ringraziare i militari al lavoro

Il Capo di Stato Maggiore dell'Esercito, Generale di Corpo d'Armata Danilo Errico, è tornato questa mattina nelle zone dell'Italia Centrale colpite dal sisma per incontrare gli uomini e le donne dell'Esercito impegnati nell' Operazione "Sabina".


Nel corso della visita a Muccia (MC), accolto dal Brigadier Generale Sergio Santamaria, comandante del Raggruppamento “Sisma”, il Generale Errico ha salutato e ringraziato i militari della Task Force Genio “Marche” per il loro costante lavoro di assistenza e ripristino delle normali condizioni di vita della popolazione. 

La Task Force “Marche”, a partire dal mese di novembre, è intervenuta per realizzare l’urbanizzazione speditiva di moduli abitativi collettivi, demolizione di edifici pericolanti e, non ultimo, il recupero del patrimonio artistico. 


Il Capo di Stato Maggiore dell'Esercito si è trasferito, quindi, ad Amatrice dove, nel rivolgersi ai militari della Task Force “Lazio – Umbria”, ha espresso il proprio orgoglio verso gli uomini e le donne che, senza sosta, compiono il loro compito con umiltà e senso del dovere. Nel corso della visita del comune reatino, il Generale Errico ha potuto osservare da vicino alcune delle opere appena consegnate ai cittadini di Amatrice.


L’operato delle due Task Force rappresenta un impegno continuo che dimostra, ancora una volta, come la Forza Armata sia una risorsa efficace e preziosa al servizio del Paese. 


L’Esercito è presente nelle Province dell’Italia centrale fin dalle prime ore del 24 agosto 2016 e in quasi sette mesi, grazie alla capacità “dual – use” dei suoi reparti è risultato fondamentale per le urbanizzazioni di aree, il mantenimento delle infrastrutture stradali, che hanno portato alla realizzazione di by-pass speditivi per la sorveglianza delle numerose “zone rosse” e per il recupero di opere d’arte rimaste lese dal terremoto. 


In questi mesi l’Esercito e tutte le Forze Armate sono stati costantemente presenti anche durante l’emergenza neve dello scorso gennaio, contraddistinguendosi come un valido strumento a diposizione delle istituzioni e della popolazione.


condividi: