fonte: Stato Maggiore Esercito

Condividi su Linkedin

 Generale di Corpo d’Armata Pietro Serino in visita alla Divisione “Vittorio Veneto”.

Prosegue il processo di sviluppo della Divisione “Vittorio Veneto” in Multinational Division South (MND-S)

Il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Pietro Serino, ha fatto visita ieri al Comando di Divisione “Vittorio Veneto” ed all’omonimo Reparto Comando e Supporti Tattici.


L’Alto Ufficiale è stato accolto dal Comandante delle Forze Operative Nord, Generale di Corpo d’Armata Roberto Perretti e dal Comandante della Divisione, Generale di Divisione Angelo Michele Ristuccia.


Il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito ha quindi assistito ad un briefing introduttivo sulla Divisione “Vittorio Veneto”, incentrato sulla sua missione e sulle attività che la interessano lungo precisi assi di sviluppo quali l’Addestramento, le Operazioni, le Infrastrutture, il Territorio, il Personale. Particolare enfasi è stata posta sull’addestramento permanente pluriarma che vede coinvolti tutti i reggimenti delle Grandi Unità secondo un approccio progressivo di disponibilità di capacità operative costantemente esprimibili su attivazione e sul processo di riorganizzazione in Comando NATO multinazionale.


In tale contesto, il Generale Ristuccia ha sottolineato come la componente Nazionale del Comando abbia continuato, nonostante il momento storico caratterizzato dalla situazione pandemica, ad assolvere il compito di sovraintendere alle attività di addestramento ed approntamento delle 4 Brigate, nel rispetto del piano triennale sviluppato secondo le priorità definite dal COMFOP NORD e nel quadro di un intento per il quale tutte le attività del Comando e delle unità debbano esser condotte in maniera sinergica ed efficiente per acquisire, sviluppare e consolidare le capacità operative di combattimento, mission oriented, di homeland security e di concorso con le Autorità nazionali.


“La componente Multinazionale”, ha proseguito il Comandante della Divisione, “è completamente assorbita nel processo di sviluppo della Multinational Division South (MND-S), scandito da due milestone fondamentali: il conseguimento della Initial Operational Capability (IOC) e la dichiarazione di Full Operational Capability (FOC), che validerà la MND-S quale Unità capace di operare nel contesto delle attività, delle operazioni o delle missioni dell’Alleanza Atlantica nell’ambito dei suoi three core Task. Sebbene il progetto sia a tutt’oggi in fase di planning, personale della componente Multinazionale prende regolarmente parte ad esercitazioni internazionali come la Bison Counter 21 e la Steadfast Jackal 21. Lo sforzo che lo Stato Maggiore dell’Esercito sta sostenendo al riguardo è significativo.


In tale circostanza, il Capo di Stato Maggiore ha evidenziato come, nonostante le difficoltà imposte dalle restrizioni dovute al CoVid-19, la Divisione abbia continuato ad assicurare e garantire il conseguimento degli obiettivi assegnati, dimostrando spirito di adattamento e soprattutto di resilienza, frutto di una preparazione che le ha permesso di essere elemento attivo e non soltanto reattivo, di fronte ad un contesto non prevedibile.


Infine, dopo aver visitato le infrastrutture delle Caserme “Predieri” e “Perotti”, il Generale Serino ha incontrato il personale militare e civile del Comando, per esprimere la propria soddisfazione per l’entusiasmo e la professionalità con cui gli uomini della “Vittorio Veneto” stanno fornendo il proprio contributo fattivo alla Forza Armata e alla Nazione.


condividi: