fonte: SME

Il Generale di Corpo d’Armata Salvatore Farina in visita alle unità di Artiglieria stanziate nella cittadina laziale.

Il gioco di squadra per fare sempre di più insieme

​Il Capo di Stato Maggiore dell'Esercito, Generale di Corpo d’Armata Salvatore Farina, ha visitato il Comando Artiglieria e al 185° Reggimento Artiglieria Paracadutisti "Folgore".

Accolto al suo arrivo dal Generale di Brigata Fabio Giambartolomei, Comandante del Comando Artiglieria, e dal Colonnello Mauro Bruschi, Comandante del 185° Reggimento Artiglieria paracadutisti “Folgore”, il Generale Farina ha visitato le principali infrastrutture delle due unità incontrando successivamente tutto il personale congratulandosi con loro per i risultati conseguiti nelle numerose attività addestrative e nelle operazioni condotte in Patria, come “Strade Sicure” sulle piazze di Fiumicino e Civitavecchia e nei vari Teatri Operativi che hanno visto operare gli artiglieri in Kosovo e Libano.

Il Capo di SME ha evidenziato come ancora oggi l’Artiglieria rappresenti un elemento fondamentale per l’Esercito e che questa al pari delle altre Armi trova piena integrazione nelle “cinque sfide” attorno alle quali gravita l’evoluzione dell’Esercito. Ai “Diavoli Gialli” del 185° ha enfatizzato la peculiarità del reparto che riunisce un mix di virtù militari che comprendono lo spirito di corpo e la preparazione al combattimento dei paracadutisti, con la metodica precisione e puntuale applicazione tipica dell’ “Arma Dotta” Artiglieria. Infine, il Generale Farina ha illustrato alcuni dei principali eventi addestrativi che vedranno gli artiglieri protagonisti sia in Italia che all’estero, sottolineando che il successo di ogni attività della Forza Armata ha come elemento fondamentale il “gioco di squadra” per fare sempre di più insieme.

Al termine della visita presso le unità, il Generale Farina ha incontrato il Sindaco di Bracciano, Dott. Armando Tondinelli, con il quale ha condiviso la piena sinergia e integrazione tra i militari e la comunità cittadina prospettando ulteriori future collaborazioni.

condividi: