fonte: Comando Truppe Alpine

Condividi su Linkedin

Condotta attività addestrativa per incrementare la capacità di operare in ambiente innevato.

L’addestramento degli alpini del “Susa” in ambienti difficili per il miglioramento delle capacità operative

​Si è conclusa nei giorni scorsi un'attività che ha visto gli Alpini del 3° reggimento addestrarsi nel movimento e nel combattimento in ambiente innevato nei pressi di Usseax (TO).

 

Nel pieno rispetto delle norme vigenti per il contrasto e contenimento da COVID 19, le unità del battaglione alpini "Susa" sono partite da fondovalle con assetti controcarri, tiratori scelti e un modulo fucilieri avanzato, raggiungendo cosi' l'area addestrativa di Pian dell'Alpe (a 2.000 m. slm), percorrendo in assetto scialpinistico e con equipaggiamento e armamento completi, oltre 1.000 metri di dislivello affrontando pendenze medie del 30%.

 

Una volta raggiunta l'area addestrativa, gli Alpini del "Susa" hanno svolto lezioni di tiro dinamico, diurno e notturno, impiegando armi individuali e di reparto, sfruttando inoltre sistemi di simulazione che consentono l'impiego di munizionamento tipo marcante, che hanno reso l'attività addestrativa aderente a situazioni reali.

 

Contemporaneamente gli assetti specialistici controcarri e tiratori scelti hanno allestito postazioni difensive nell'ottica di perfezionare sempre di più le capacità di mimetizzazione ed osservazione nel peculiare ambiente montano durante il periodo invernale.

Le unità controcarri e i tiratori scelti si sono inoltre esercitati nell'impiego dei sofisticati sistemi ISR (Intelligence Surveillance and Recoinnessance) come ad esempio gli UAV ed il sistema lancia missili terra-aria di 3° generazione SPIKE.

 

Un importante momento addestrativo che ha permesso ai giovani VFP1 neo assegnati al reggimento, provenienti da diverse aree geografiche della penisola, di amalgamarsi con i commilitoni più anziani ed esperti, e approfondire la conoscenza della montagna, anche dal punto di vista tecnico-tattico. È infatti proprio attraverso la conoscenza della montagna, ambiente nel quale tradizionalmente operano, gli Alpini dell'Esercito riescono a mantenere una costante ed aggiornata capacità di operare a favore della collettività anche in ambienti difficili e in condizioni estreme.


condividi: