fonte: COMFORDOT

I soldati hanno promesso fedeltà alla Repubblica Italiana presso la Caserma "Clementi".

Nel mese di maggio i passaggi alle Unità della Forza Armata dislocate su tutto il territorio nazionale

​Questa mattina, nella Piazza d'Armi del 235° Reggimento Addestramento Volontari "Piceno", trecentoventisei soldati, frequentatori del Corso di Formazione per Volontari in Ferma Prefissata di un anno (VFP1) del 4° Blocco 2018, hanno prestato giuramento di fedeltà alla Repubblica Italiana.

Il solenne momento, arrivato dopo 11 settimane in cui i volontari sono stati impegnati in lezioni in aula, intense sessioni di addestramento tattico e formale ed esercitazioni al poligono, è stato preceduto, ieri pomeriggio, dall’incontro avvenuto presso l’aula polifunzionale “Caduti di Nassiriya” tra le famiglie e il Colonnello Igor Torti, Comandante di Reggimento, che ha voluto ringraziare i parenti dei ragazzi e delle ragazze per la loro presenza e per aver creduto nella scelta dei loro figli.

Il Comandante li ha poi salutati lasciandoli alla visita della struttura militare. Le famiglie hanno partecipato questa mattina all'alzabandiera che si è svolta prima della cerimonia; successivamente, al cospetto della Bandiera di Guerra del Reggimento e alla presenza del Comandante della Formazione, Specializzazione e Dottrina dell'Esercito, Generale di Corpo D'Armata Giovanni Fungo, di numerose Autorità militari, civili e religiose, i Volontari hanno gridato “Lo Giuro!” e cantato l’Inno di Mameli, sulle note della Musica d'Ordinanza della Scuola Trasporti e Materiali dell'Esercito.

Il Mentore del 4° Blocco 2018 è stato Ciro Scianna, decorato di Medaglia d'Oro al Valor Militare per i fatti di Monte Asolone del 24 giugno 1918. Il Colonnello Torti, Comandante di Reggimento, nel corso del suo intervento, rivolgendosi ai Volontari ha detto: "Quella di oggi è una giornata speciale e indimenticabile che rimarrà scolpita tra i ricordi più belli della vostra vita. Questo formale impegno, che con fierezza assumete non solo con la collettività ma soprattutto con la vostra coscienza, vi consente a pieno titolo di entrare a far parte dell’istituzione militare, accettandone i valori e le regole, obblighi e doveri, che vi porteranno a distinguervi, per lealtà e dedizione al servizio ". Ha poi preso la parola il Generale di Corpo d'Armata Giovanni Fungo che si è rivolto ai volontari dicendo: “Oggi potete finalmente dire: sono un soldato! Siete usciti dalle vostre poco più che ragazzi, avete salutato le vostre famiglie e i vostri amici, con l’emozione e l’entusiasmo di chi sta iniziando un periodo nuovo, di chi sta per vivere una novità. E’ stato qui che avete scoperto che la novità non stava trasformando soltanto un periodo della vostra vita, ma tutta la vostra persona. Davanti a me io vedo dei soldati. ”.

Il Generale Fungo poi ha proseguito ricordando ai giovani giurandi che saranno chiamati ad essere "esempi di valore, di onore, di lealtà e di verità” e ha concluso il suo intervento rivolgendosi a tutti i genitori presenti: “siate fieri della scelta dei vostri figli. Sosteneteli con la vostra continua e premurosa presenza, assecondandone le aspirazioni professionali esaltate dalla forza e dall’entusiasmo della loro giovane età".

I Volontari del 4° Blocco 2018, giunti lo scorso 4 marzo ad Ascoli Piceno per la frequenza del Corso di Formazione, permarranno nella Città delle Cento Torri fino al prossimo 23 maggio, prima di essere assegnati alle Unità della Forza Armata dislocate su tutto il territorio nazionale.

condividi: