fonte: COMFORDOT

A Capua e Cassino 392 Volontari in ferma prefissato hanno prestato giuramento di fedeltà alla Repubblica Italiana.

Giuramento di fedeltà: un impegno, una promessa alla Nazione, una scelta di vita!

​Ieri, presso i Reggimenti Addestramento Volontari 17° “Acqui” di Capua e 80° “Roma” di Cassino, hanno prestato giuramento solenne di fedeltà alla Repubblica Italiana 392 Volontari in Ferma Prefissata di un anno (VFP1) dell’Esercito Italiano, appartenenti al 4° blocco 2019.

Le cerimonie, svolte nel pieno rispetto delle norme vigenti per il contrasto e contenimento da COVID-19, sono state presiedute dal Comandante della Scuola di Fanteria, Generale di Brigata Roberto Viglietta e sono state trasmesse in diretta sui canali social della Forza Armata.

318 giovani soldati del 17° “Acqui” e 74 dell’80° “Roma” hanno gridato “LO GIURO” al cospetto delle Bandiere di Guerra dei Reggimenti e di fronte ai loro Comandanti, confermando in questo modo la ferma convinzione di aderire a quegli ideali e valori militari che da 159 anni caratterizzano l’Istituzione alla quale hanno scelto di appartenere.

Il Colonnello Francesco Maione, comandante del 17° RAV, nel suo intervento ha evidenziato come la scelta responsabile e coraggiosa intrapresa dai volontari in un momento storico così delicato, pone le basi per un profondo spirito di sacrificio, qualità basilare intrinseca di ogni militare.

A Cassino, il Colonnello Mauro Quarta, comandante dell’80° RAV, ha sottolineato l’importanza della cerimonia, ricordando che il giuramento di fedeltà alla Repubblica Italiana è l’atto che sancisce l’ingresso di ogni soldato nella comunità militare.

“Non abbiate mai paura di poter dimenticare questa giornata e le sacre parole che avete appena pronunciato”, ha detto il Generale Viglietta rivolgendosi ai giovani militari schierati, “perché la fiamma che vi ha guidato fin qui, saprà far luce sempre, portando alla mente ogni piccolo istante vissuto oggi….”, ma soprattutto ha voluto ricordare che “….nel vivere questa avventura, avrete la possibilità di confrontarvi con i vostri limiti che imparerete a conoscere e superare. Dovete quindi, rimboccarvi le maniche sin da subito ed entrare in gioco per diventare protagonisti all’interno di una storia chiamata Esercito Italiano”.

Il 17° RAV di Capua e l’80° RAV di Cassino sono due delle quattro unità dell’Esercito che sono deputate alla formazione di base dei Volontari in Ferma Prefissata di un anno (VFP1).

condividi: