fonte: COMFOP Nord

La caserma di Remanzacco accoglie gli alunni delle scuole medie in occasione del 73° anniversario della Repubblica Italiana.

‘Sotto le stelle con le stellette’ seconda edizione.

​In occasione del LXXIII anniversario della proclamazione della Repubblica italiana presso la caserma “Severino Lesa” di Remanzacco (UD) si sono svolte una serie di iniziative tese a consolidare gli ottimi rapporti con la cittadinanza locale e l’amministrazione comunale. Il Reggimento Logistico “Pozzuolo del Friuli”, in sinergia con il 3° Reggimento Artiglieria terrestre “da montagna”, di stanza nella medesima infrastruttura e il comune di Remanzacco, ha riproposto per il secondo anno un progetto denominato “Sotto le stelle con le stellette” rivolto ai ragazzi della locale scuola secondaria di primo grado “I. Nievo”.

Più di 30 studenti sono stati “incorporati” nei ranghi del reggimento e hanno trascorso tre giorni all’interno di un accampamento realizzato appositamente presso la caserma “Lesa” partecipando alle attività che caratterizzano la vita militare. Venerdì 31 maggio hanno iniziato a prendere confidenza con le regole e i primi ammaestramenti del soldato assimilando le nozioni di base; il giorno successivo è stato caratterizzato dalla toccante cerimonia del giuramento con il quale si è cercato di trasmettere alle nuove generazioni i valori che esso racchiude come consacrazione a una vita di impegno totale rivolto al servizio della Patria. Nel corso dei tre giorni sono state poi realizzate diverse attività addestrative e anche di carattere storico culturale.

Contemporaneamente a questa iniziativa la caserma “S. Lesa” è rimasta aperta al pubblico e a partire da venerdì 31 maggio i visitatori hanno potuto ammirare numerose esposizioni realizzate anche con il contributo di associazioni amatoriali locali: una mostra statica di automezzi ed equipaggiamenti in dotazione al Reggimento logistico, ai reparti della Brigata “Pozzuolo del Friuli” e al 3° Reggimento Artiglieria terrestre “da montagna”; la riproduzione di un accampamento con figuranti in uniformi storiche della I guerra mondiale; una mostra di modellini riproducenti mezzi militari della I e II guerra mondiale; un’esposizione di altissimo livello relativa ad apparati radiofonici e uniformi militari anch’esse risalenti al medesimo periodo storico; una mostra statica e dinamica di autovetture storiche Fiat 500.

L’avventura dei ragazzi si è conclusa domenica 2 giugno con la deposizione della corona di alloro presso il monumento ai caduti della caserma e successivamente con la significativa cerimonia di consegna dei congedi. L’iniziativa ha avuto un riscontro inaspettato in termini di affluenza di pubblico che ha apprezzato particolarmente l’organizzazione messa in atto per avvicinare la realtà della caserma “Severino Lesa” alla comunità locale valorizzando adeguatamente l’immagine della Forza Armata.


condividi: