Prezioso l'intervento di due militari dell'Esercito che hanno praticato la rianimazione cardiopolmonare.

L’intervento dei due graduati dell’Esercito frutto di una continua formazione

​Nel primo pomeriggio del 12 settembre scorso, in località Sistiana, nei pressi di Trieste, due graduati dell’Esercito hanno salvato un subacqueo dall’annegamento.

Il caporal maggiore capo scelto Tommaso Triolo e il caporal maggiore scelto Francesco Pisicchio, tecnici di elicottero UH-90 in forza al 5° reggimento AVES “RIGEL”, unità appartenente alla Brigata Aeromobile "Friuli", mentre si trovavano presso il centro diving di Sistiana, notavano, a circa 50 metri dalla costa, un uomo privo di sensi in acqua.

Percepita immediatamente la situazione di pericolo, i militari sono riusciti , a nuoto, a riportare il corpo apparentemente esanime verso riva dove, applicando alternativamente alcune procedure di primo soccorso e manovre di rianimazione cardio polmonare (BLSD-D), hanno mantenuto le funzioni vitali del malcapitato fino all'arrivo dei sanitari del 118.

L’uomo soccorso, che probabilmente è stato colpito da malore durante l’immersione, è stato trasportato al nosocomio di Trieste dove è attualmente ricoverato nel reparto di terapia intensiva.

La formazione BLS-D (Basic Life Support and Defibrillation, Supporto di Base delle Funzioni Vitali e Defibrillazione) consente ai militari dell'Esercito Italiano di essere sempre pronti ad intervenire in maniera adeguata e tempestiva in tutti quei casi in cui una persona si presume possa essere stata colpita da disturbi in grado di portare all'arresto respiratorio e all'arresto cardiaco.

condividi: