fonte: COMFOP Sud

Per la bonifica è stato necessario evacuare oltre 4.000 cittadini.

Disinnescata una bomba d'aereo di 250 libbre del secondo conflitto mondiale

​Gli specialisti del 4° Reggimento Genio Guastatori hanno effettuato ieri al centro di Messina la bonifica di una bomba d’aereo di fabbricazione inglese risalente al secondo conflitto mondiale. L’ordigno, progettato per distruggere installazioni e sistemi viari, pesava 250 libbre, ovvero 104 kg, e al suo interno era caricato con 30 kg di esplosivo ad alto potenziale.


Per poter procedere con le operazioni di disinnesco in sicurezza è stato necessario evacuare oltre 4.000 cittadini dalle ore 5 di domenica fino alle ore 7:30 (un’ordigno di questa tipologia, in caso di esplosione, proietterebbe delle schegge in grado di colpire un’aerea con un raggio di circa 1.600 metri).

 

Pertanto i guastatori del 4° Reggimento hanno costruito una “camera di contenimento” in cui è stato posto l’ordigno prima di iniziare il suo disinnesco; grazie a questa struttura protettiva il raggio di distruzione in caso di scoppio accidentale è stato quindi ridotto a soli 400 metri. Le fasi di neutralizzazione dell’ordigno sul luogo in cui è stato rinvenuto sono durate circa 3 ore, successivamente la bomba inerte è stata trasportata in una cava dove i militari del 4° Reggimento Genio, nel pomeriggio, l’hanno fatta brillare.


I nuclei EOD (Explosive Ordnance Disposal) dell’Esercito, comunemente chiamati artificieri, nel 2018 hanno effettuato in Sicilia 91 interventi rimuovendo e distruggendo un totale di 266 ordigni bellici risalenti all’ultimo conflitto mondiale.

condividi: