fonte: COMFOP Nord

Continuano le numerose attività sul territorio a supporto della Protezione Civile e delle autorità pubbliche.

Costante impegno del COMFOPNORD nel coordinamento dei concorsi

​Sin dal mese di gennaio l’Esercito è impegnato, con i propri comandi e unità, a contrastare la diffusione su scala nazionale del coronavirus anche attraverso la rimodulazione dell’Operazione Strade Sicure. Per venire incontro alle nuove esigenze delle Prefetture, viene inoltre assicurato il concorso di medici e infermieri in supporto alle strutture sanitarie civili più in difficoltà, trasporti, aerei e terrestri, per la distribuzione di materiali ed attrezzature sanitarie e nuclei per la bonifica e l’igienizzazione di infrastrutture e automezzi.

In quest’ultima attività, coordinati dal Comando Forze Operative Nord che gestisce i concorsi militari nell’ampio territorio che va dal Friuli Venezia Giulia all’Umbria passando per il Veneto, l’Emilia Romagna, la Toscana e le Marche, i nuclei bonificatori del “Savoia Cavalleria” (3°) di Grosseto, dell’8° Reggimento Genio Paracadutisti di Legnago, del 3° Reggimento Artiglieria Alpina e del Reggimento Logistico “Pozzuolo del Friuli” di Remanzacco, sono intervenuti per igienizzare aree pubbliche e strutture sanitarie civili.

In particolare i militari del Reggimento “Savoia Cavalleria” (3°) su richiesta del Sindaco di Grosseto, Antonfrancesco Vivarelli Colonna, hanno igienizzato i locali dove ha sede il COC (Centro Operativo Comunale), attivo dai primissimi giorni dell’emergenza COVID-19, con particolare attenzione ai settori di accesso al pubblico ed ai magazzini di stoccaggio della Protezione Civile, dove operano quotidianamente i volontari per la distribuzione delle mascherine protettive.

Operazione simile è stata effettuata dai disinfettori del 3° Reggimento Artiglieria Alpina e del Reggimento Logistico “Pozzuolo del Friuli” nella città di Remanzacco. Venendo incontro alle richieste del Sindaco, Daniela Briz, i disinfettori dell’Esercito hanno igienizzato numerose aree pubbliche. Sempre a Remanzacco il personale del reggimento logistico ha coadiuvato la locale Protezione Civile nella distribuzione di generi alimentari, medicinali e mascherine alle famiglie della città che necessitano di assistenza, in particolare nuclei familiari composti da anziani e persone sole.

Nella casa di riposo di «Scarmignan» di Merlara, nel padovano, su richiesta della Prefettura di Padova, sono entrati in azione i paracadutisti dell’8° Reggimento Genio Guastatori di Legnago con il proprio nucleo di disinfettori, con le loro attrezzature specialistiche hanno igienizzato i locali di uso comune dell’intera struttura. Nella casa di riposo, particolarmente esposta in quanto ospita degenti anziani, operano da alcuni giorni 5 infermieri dell’Esercito provenienti da altrettanti reparti dislocati in Friuli, in Veneto e in Emilia Romagna. Coordinati da un ufficiale medico collaborano con il personale socio-sanitario della casa di riposo dove parte dello stesso è stato posto in quarantena perché risultato positivo al Covid-19.

In questa grave emergenza l’Esercito è stato chiamato, in supporto al “sistema paese”, su più fronti nella gestione della più grave crisi nazionale del dopoguerra; un impegno costante con uomini, mezzi e materiali a fianco delle strutture di Protezione Civile e sanitarie nazionali per fornire, insieme, risposte concrete ai cittadini.

condividi: