fonte: COMFOP Sud

Abbraccio dei visitatori allo stand Esercito.

Attività promozionale di "Savoia" alla 29^ edizione del "Game Fair".

Un'accoglienza calorosa la compagine dell’Esercito Italiano che ha preso parte alla 29^ edizione del Game Fair, conclusasi il 9 settembre presso il polo fieristico di Grosseto.

Si tratta del più importante evento in Italia dedicato alla caccia, al tiro sportivo e alla vita all'aria aperta, unico esempio di festa campestre in Italia, che ogni anno richiama migliaia di appassionati nella cornice della Maremma Toscana. Il Reggimento "Savoia Cavalleria" (3°), anche quest'anno, ha accolto l'invito del Comitato organizzatore.

La manifestazione, molto conosciuta sul territorio e con una profonda risonanza a livello nazionale, vede la partecipazione tra l'altro delle più rilevanti aziende di armi italiane, e non solo. Numerosa l'affluenza dei visitatori allo stand dove, i cavalieri paracadutisti, hanno illustrato veicoli, armi e materiali in uso all'Esercito. Uomini, donne e bambini di ogni età hanno fatto tappa presso l’area dedicata alla Forza Armata, presso la quale hanno potuto indossare realmente un paracadute e visitare l’interno di una autoblindo armata “Centauro” e toccato con mano il “Lince”, in mostra nel piazzale principale della Fiera. Quest'anno ,la Brigata paracadutisti "Folgore" ha dato un ulteriore contributo, inserendo una dimostrazione pratica del metodo di combattimento militare (MCM).

Gli istruttori del 187° Reggimento Paracadutisti, insieme ad altri elementi giunti dagli altri reparti della Brigata, hanno illustrato, ad un folto ed interessato pubblico, questo sistema di combattimento a distanza ravvicinata che risponde alle peculiari esigenze operative militari e che, dal 2014, è diventato ufficialmente il sistema di combattimento corpo a corpo della Forza Armata.

Nella conferenza stampa di apertura gli organizzatori e le autorità locali hanno sottolineato più volte l'importanza della presenza dell'Esercito "in quanto espressione sana delle professionalità del Paese, che grazie ai suoi uomini e donne, riesce a conferire un valore aggiunto alla manifestazione".

condividi: