Condividi su Linkedin

A Cagliari, Teulada e Brancaleone importante contributo dei militari dell’Esercito nelle campagne di emodonazione.

L’Esercito risponde agli appelli per la raccolta di sangue nel Sud Italia

​Nei giorni scorsi in Sardegna, nelle caserme “Salvatore Pisano” di Teulada e “Sottotenente Riva Villasanta” di Cagliari sono state organizzate due importanti iniziative per le donazioni di sangue, alle quali hanno aderito numerosi uomini e donne dell’Esercito.

In particolare, i Bersaglieri del 3° reggimento della Brigata “Sassari” hanno donato il sangue all’ospedale “Giuseppe Brotzu” di Cagliari, grazie al supporto dell’autoemoteca fornita dall’AVIS provinciale, nell’ambito nel protocollo di intesa a favore di persone con talassemia, siglato tra il Comando delle Forze Operative Sud e la Fondazione Italiana “Leonardo Giambrone”.

A Cagliari, i militari e i dipendenti civili del battaglione trasmissioni “Gennargentu”, insieme al personale degli altri reparti che operano all’interno della caserma “Villasanta”, hanno risposto agli appelli rivolti ai cittadini da parte delle associazioni di volontariato, aderendo numerosi alla campagna “Donare è una scelta naturale”, promossa dal Ministero della Salute e dal Centro Nazionale Trapianti.

Negli stessi giorni in Calabria anche i militari dell’82° Reggimento Fanteria “Torino” di Barletta, impiegati nell’ambito dell’operazione “Strade Sicure”, hanno aderito ad una iniziativa di raccolta volontaria di sangue, partecipando alla campagna itinerante con autoemoteca promossa dalla Sezione AVIS della città di Locri, per rifornire le scorte dei nosocomi calabresi.

Queste iniziative, fondamentali in un periodo di emergenza sanitaria, testimoniano la generosità del personale dell’Esercito e il loro legame con il territorio.

condividi: