I militari della “Pozzuolo del Friuli” rispondono all’appello per l’esigenza sangue.

Il sangue: un elemento prezioso nella catena della vita

​Si è svolta a Gorizia, nei giorni scorsi, una donazione di sangue e plasma a favore del Centro Unico Regionale di produzione Emocomponenti. Il Comando Brigata di Cavalleria “Pozzuolo del Friuli”, in collaborazione con l’Associazione Donatori volontari Sangue (FIDAS) Sezione di Gorizia, ha ospitato un’autoemoteca presso la piazza d’arme della Caserma “Montesanto” di Gorizia, con relativo personale medico/sanitario per la raccolta del sangue.

La solidarietà espressa dai donatori militari ha consentito la raccolta di una considerevole quantità di sangue e plasma che contribuirà a far fronte alle continue richieste di questo bene così prezioso per tutti i pazienti ricoverati o ambulatoriali.

Tra i donatori anche il Comandante della “Pozzuolo”, Generale di Brigata Giovanni Parmiggiani, che ha voluto sottolineare come il personale dell’Esercito in servizio a Gorizia abbia aderito all’iniziativa con entusiasmo e grande senso civico, spinto dal desiderio di contribuire concretamente, in questo particolare momento storico e con l’avvicinarsi del periodo estivo, al bisogno di incrementare le scorte di sangue e plasma indispensabili nella cura di gravi patologie e malattie rare.

La Presidente dell’Associazione FIDAS isontina, Patrizia Zampi, nel ricordare l’ottimo rapporto di collaborazione, che intercorre da anni con la Forza Armata ha aggiunto che: “Il sangue non si compra né si vende né si produce, quindi il donatore volontario è l’elemento più prezioso nella catena di vita che assicura quotidianamente speranza a tanti ammalati.”

La Brigata di Cavalleria “Pozzuolo del Friuli” ha la propria sede nel capoluogo isontino, è una Grande Unità da combattimento dell’Esercito e fornisce gli assetti di Forza Armata per la Capacità Nazionale di Proiezione dal Mare (CNPM).

condividi: