fonte: Comando Truppe Alpine

Esercito e fase 2. Alla "Lesa" di Remanzacco svolto il primo corso lavoratori in modalità e-learning.

Ripartono le attività addestrative e con esse la formazione sulla sicurezza

​Alla caserma “Lesa” di Remanzacco (UD) si è concluso, nei giorni scorsi, un corso di formazione generale per i lavoratori adempiendo alle prescrizioni del decreto legislativo 81 del 2008, che lo rendono obbligatorio per tutto il personale. La programmazione è una consuetudine, ma, questa volta, la particolarità è che è stato svolto in modalità e-learning, come avviene nel mondo della scuola in tempi di corona virus.

Così, con la ripresa delle attività addestrative di approntamento per le operazioni, dovendo tuttavia applicare le misure per il contenimento del virus, il responsabile del servizio di prevenzione e protezione del 3° reggimento artiglieria terrestre (da montagna) ha organizzato un corso in cui, sia il formatore qualificato, sia i discenti, assistevano alle lezioni in forma telematica da casa, nel cosiddetto smart working.

La metodologia di apprendimento seguita è stata sviluppata, infatti, in modalità “Blended”, ovvero in maniera ibrida, con lo sviluppo del programma previsto dagli accordi Stato – regioni con un mix di file in formato PDF ed MP4 ed in video conferenza, valida come lezione frontale.

L’ulteriore particolarità è stata l’inclusione, tra le lezioni somministrate, di nozioni specifiche dedicate al corona virus, ritenute, a ragione, indispensabili per il condizionamento che impongono sull’ambiente di lavoro. Il corso si è concluso con l’esame di valutazione, che ha confermato, nei risultati, la validità del percorso formativo, tanto da indurre il comando della brigata alpina “Julia” a valutarne l’estensione ad altre unità.

condividi: