fonte: COMFOP-NORD

I baschi verdi dell'Esercito si schierano sul delta del Po.

Seconda edizione dell’esercitazione “Delta” per ricordare l'alluvione del 1966

​Il reggimento Lagunari "Serenissima" ha preso parte, la scorsa settimana, alla seconda edizione dell'esercitazione "Delta" . L'esercitazione, federata con gli ex Lagunari dei gruppi sportivi e di Protezione Civile appartenenti all'Associazione Lagunari Truppe Anfibie (ALTA), aveva lo scopo di testare la capacità di intervento dei Lagunari, a seguito di una risoluzione ONU, in un paese occupato da "guerriglieri irregolari" al fine di riassumerne il controllo e garantire la libertà di movimento  e la sicurezza degli assetti della Protezione Civile intervenuti in supporto alla popolazione.

Lo schieramento del dispositivo è avvenuto con una navigazione su barchini a chiglia rigida e motozattere da trasporto personale, realizzando una manovra coast to coast di oltre 50 miglia nautiche dalla caserma "Miraglia" sull'isola delle Vignole fino alla centrale elettrica ENEL di Polesine Camerini, presso la foce del Po. Dopo aver neutralizzato con un raid anfibio le forze ostili, rappresentati anche dai gruppi sportivi dell'ALTA, i Lagunari hanno simulato la condotta di operazioni lungo il fiume Po ed i suoi rami. Durante l'esercitazione i Lagunari hanno avuto la possibilità di testare il nuovo sistema di simulazione denominato SIAT (Sistema Integrato per l'Addestramento Terrestre) che permette l'addestramento del personale con un livello di realismo mai raggiunto prima eliminando i condizionamenti di sicurezza che erano imposti dall'impiego di munizionamento reale.

L'attività, particolarmente apprezzata dalla popolazione della provincia di Rovigo, si è  conclusa con una semplice, ma sentita cerimonia presso il Centro Congressi di Rosolina Mare. In tale contesto, nel ricordare il 51º anniversario dell'intervento dell'Esercito in soccorso alla popolazione polesana durante l'alluvione del 1966, i rappresentanti delle Autorità locali hanno espresso il loro ringraziamento ed il loro compiacimento per l'impegno profuso dai partecipanti alla "Delta 2017".


condividi: