fonte: NRDC-ITA

Il Generale Thomson ha incontrato gli uomini e le donne del Comando NATO di Solbiate Olona.

Illustrate attività e studi di NRDC-ITA per consolidare flessibilità d’impiego

Il Generale John C. Thomson (USA), Comandante del Comando delle forze terrestri della NATO (LANDCOM), nei giorni scorsi ha visitato il Comando del Corpo d’Armata di Reazione Rapida NATO (NRDC-ITA).

Il Generale Thomson, dopo essere stato accolto dal Comandante di NRDC-ITA, il Generale di Corpo d'Armata Roberto Perretti, ha assistito a diversi briefing durante i quali sono stati illustrati la struttura, le capacità e i compiti affidati al Corpo d’Armata di Reazione Rapida NATO a guida italiana.

L’alto ufficiale è stato quindi aggiornato sullo sviluppo delle attività in corso che consentiranno al Comando NATO di Milano di riconfigurarsi quale Corpo d’Armata, dopo aver rivestito lo scorso anno il ruolo di Land Component Command della NATO Response Force (NRF).

A tal proposito, NRDC-ITA ha condiviso, attraverso la consegna di alcuni dossier, le esperienze vissute durante l’NRF 2018 al fine di fornire ai Comandi dell’Alleanza, che nel futuro ricopriranno l’analogo ruolo, una guida per poter assolvere al meglio i compiti affidati. Inoltre, l’occasione si è rivelata propizia per presentare gli studi condotti in merito a nuovi concepts che sono in fase di sviluppo, a dimostrazione della flessibilità che il Comando di Milano può esprimere qualora chiamato a guidare qualsiasi operazione militare ad elevata intensità sotto egida NATO, Unione Europea, oppure nell’ambito di coalizioni.

L’attività è proseguita con un inquadramento relativo alle numerose attività addestrative e di studio che NRDC-ITA ha condotto dall’ultima visita. Tra queste il workshop “Eagle Eye 2019”, seminario tenuto lo scorso mese, durante il quale sono stati esaminati potenziali scenari di impiego.

Peraltro, durante la giornata, il Comandante di LANDCOM ha anche potuto assistitere ad alcune prove della “Best Warrior Leader Competition”, gara che, nel mettere alla prova le principali abilità militari, tra cui agilità, forza, tiro e orientamento, si prefigge l’obiettivo di consolidare le capacità professionali, accrescere la coesione tra i membri di NRDC-ITA e mantenere alto il livello di prontezza operativa richiesto dall’Alleanza.

Al termine della visita il Generale Thomson ha voluto congratularsi sottolineando la sinergia, la professionalità e la passione riscontrate nel personale di NRDC-ITA. L’evento ha rappresentato una ulteriore occasione per il Comando di mostrare le proprie capacità e di confermarsi quale organizzazione pronta a supportare le politiche dell’Alleanza per la promozione della stabilità internazionale, contribuendo al compimento dei tre “core tasks” della NATO, quali la difesa collettiva, la gestione delle crisi e la cooperative security. ​

condividi: